Domenica, 24 Settembre 2017 09:10

Il Camp Nou e il buio della Catalogna

Scritto da

Nel periodo più buio e travagliato della Catalogna, con un referendum devastante che si staglia all'orizzonte e mette a repentaglio l'avvenire della Spagna e dell'Europa, ci concediamo una piccola pausa per celebrare il sessantesimo anniversario del magnifico Camp Nou, lo stadio del Barcellona inaugurato il 24 settembre 1957 e che, dunque, compie sessant'anni.  

E se il Barcellona è, per i suoi tifosi e per la città, più di un club, non c'è dubbio che il suo stadio sia molto più di un semplice impianto sportivo: per la maestosità delle sue tribune, per l'imponenza e l'eleganza della sua costruzione e per il fatto di essere un autentico tempio dello sport, della cultura e della bellezza, un luogo dove è gradevole stare e che incute agli avversari forse ancora più timore di quanto non ne mettano i pur formidabili alfieri in maglia blaugrana.

Sessant'anni di gioie e di trionfi, di gol spettacolari, di giocate incredibili, di fuoriclasse unici e di magie che hanno rivoluzionato la storia del calcio; sessant'anni di passione e di poesia; sessant'anni in cui il santuario dell'orgoglio barcellonese ha avuto anche un'importante funzione politica, essendo l'unico posto in cui fosse possibile parlare il catalano, bandito dal franchismo, e oggi uno dei centri nevralgici della rivolta anti-spagnola della Catalogna; sessant'anni in cui un popolo ha trovato lì le proprie ragioni, i propri riferimenti e la forza di innalzare la propria voce e far presenti le proprie rivendicazioni; sessant'anni che cadono, come detto, in uno dei momenti peggiori della storia della città e della regione, fra incertezza, paura e pericolosi venti secessionisti che rischiano di mettere a repentaglio l'avvenire di un'intera comunità e anche di questo suo simbolo ineguagliabile. 

Sessant'anni e un compleanno agrodolce, pertanto, ma ciò non toglie nulla alla meraviglia di una collettività che ogni volta, all'interno di quell'impianto, assapora la felicita di essere se stessa.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077