Giovedì, 03 Maggio 2018 09:41

Champions League. Roma: è amara l'uscita di scena

Scritto da

ROMA - La Roma batte il Liverpool per 4-2 ma in finale ci vanno gli inglesi. Amara, amarissima l'uscita dalla Champions.

Sicuramente non si poteva aspettare una nuova impresa come quella realizzata contro il Barcellona. O quasi. La Roma ci va vicinissimo un’altra volta e non è solo colpa degli uomini di Di Francesco l’esito del risultato finale. Per i giallorossi rimangono gloria ed onore per essersi battuti alla pari (e forse anche qualcosa in più) contro grandi corazzate, con uno spirito guerriero e con una tenacia senza eguali.

L’avventura della Roma in Champions League quindi termina qui, con uno spettacolare e amarissimo 4-2. Una squadra, il Liverpool, vince 5-2 e l’altra raggiunge quasi lo stesso risultato. Due vittorie, una a testa, una passa e va in finale e l’altra no. È il regolamento ma è anche un’uscita di scena per la Roma che brucia tantissimo.

È vero che i Reds hanno un’ottima organizzazione di gioco e che quel Salah è candidabile al prossimo Pallone d’oro; che la qualità degli uomini di Klopp è superiore a quella dei giallorossi. Ma è pur vero che, per l’ennesima volta, se si fosse applicato il VAR, probabilmente ora stavamo dicendo e scrivendo tutt’altro. 

È innegabile che il cammino della Roma in questa Champions dal punto di vista delle decisioni arbitrali è stata tutta in salita come testimoniano più di tutti gli episodi accaduti con Barcellona all’andata e con il Liverpool ieri sera. Episodi che cambiano letteralmente le carte in tavola e che possono cambiare gli esiti finali di una gara, di una qualificazione. 

Non staremo qu a citarli uno ad uno come se fosse un approfondimento della moviola ma sicuramente la Roma di Di Francesco ne esce danneggiata. Non solo la Roma, ma anche la Juventus, in Champions, sicuramente non è stata esente da errori arbitrali a dir poco grossolani. Se poi si pensa che il designatore arbitrale internazionale è Pierluigi Collina, il tutto assume le sembianze del grottesco.

Non che l’ex bravissimo arbitro italiano dovesse favorire le nostre squadre, nemmeno però danneggiarle (con la paura di non essere abbastanza neutrale e distante?) designando per gli incontri delle italiane in Europa, arbitri sicuramente non all’altezza delle gare disputate, qualitativamente inferiori ad altri loro colleghi.

Il risultato è un affascinante finale Real Madrid – Liverpool, e forse doveva essere così. Una finale dal fascino internazionale che richiamerà sicuramente l’attenzione di tutto il mondo.  

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077