Mercoledì, 19 Settembre 2018 08:33

Champions League. Pazza Inter, 2-1 agli Spurs

Scritto da

MILANO - Una sola parola: emozione! E di emozioni ieri sera al San Siro se ne sono vissute eccome.

La “pazza Inter” – mai soprannome fu mai così calzante – si conferma anche questa volta. Alla prima di Champions, non stecca il tenore Icardi, al debutto nella massima competizione europea, mettendo in pari una gara che stava diventando stregata. A perfezionare il capolavoro della rimonta ci ha pensato l’uomo della provvidenza, Vecino, lo stesso che ha regalato la qualificazione nello “spareggio” contro la Lazio nello scorso campionato.

Un 2-1 agli spurs che a un certo momento della gara, con i nerazzurri sotto di una rete, sembrava essere un’impresa impossibile. Ma l’Inter è questa, fa sballare ogni pronostico, nel bene e nel male, la “pazza Inter” è ormai un marchio di fabbrica. Finalmente si è visto l’orgoglio, quel quid in più che è mancato nelle prime giornate del campionato e che ieri sera è uscito con tutta la sua forza negli ultimi 10-15 minuti del match con gli inglesi.

Si è vista una squadra lottare su tutti i palloni e si è vista la voglia, a tutti i costi, di rimettere in pari una gara che si era messa veramente male, anche e non solo per colpe non proprie. Molte decisioni dell’arbitro, come le distribuzione dei cartellini gialli, è sembrata alquanto non omogenea, mentre il gol del Tottenham, dopo un apprezzabile spunto di Eriksen, è apparso davvero fortunoso, con il rimpallo di mano involontario (sul tiro dello stesso Eriksen) di Miranda.

LA RINASCITA - Un gol, al 53’, che poteva infrangere i sogni nerazzurri e che invece man mano, con il passare dei minuti, si sono ricostruiti fino ad avverarsi negli ultimi 7 minuti: all’85’ prima, con Icardi, e al 92’ poi con il definitivo ko di Vecino.

Una vittoria che restituisce all’Inter di Spalletti consapevolezza e nuova linfa per affrontare i prossimi impegni con una mente più leggera e che soprattutto la proietta in testa al girone di Champions insieme al vulcanico Barcellona, ieri vittorioso sul PSV 4-0 con tripletta di Messi.

NAPOLI – Nel match tra Stella Rossa e Napoli, qui la parola che descrive il tutto è “rimpianto”. Il pareggio di ieri sera contro i serbi fa storcere il naso ai partenopei perché poteva essere una gara importantissima per conquistare i primi 3 punti del girone contro una squadra considerata da tutti come la più debole del gruppo.

Se è vero che a Belgrado non è facile giocare per nessuno, è anche vero che il Napoli poteva sfruttare meglio alcune situazioni. Ma la serata è andata storta e gli uomini di Ancellotti hanno sbattuto ripetutamente contro il muro della Stella Rossa, mai particolarmente pericolosa. Un continuo attacco che però è terminato sullo 0-0 e che ha lasciato l’amaro in bocca a tutto il popolo azzurro.

Nello stesso gruppo C, il Liverpool ha battuto per 3-2 il PSG.

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]