Martedì, 20 Settembre 2011 18:52

Calcio. Novara-Inter, per Gasp è già un bivio

Scritto da

Gasperini, ultima chiamata. Stasera l'Inter affronterà al Silvio Piola il Novara, che si riaffaccia nel proprio stadio per la prima gara di questo campionato dopo essere mancato dalla massima serie per 55 anni. Il tecnico nerazzurro non può più fallire e quella di stasera potrebbe rappresentare la gara della svolta.

Non sarà facile, immaginiamo che per la prima gara davanti al proprio pubblico, dopo un'assenza così lunga, gli uomini allenati da Tesser vogliano dare il massimo. L'Inter schiererà ancora la difesa a tre riportando in attacco Pazzini - per lui debutto in campionato – affiancato da Forlan. Per l'intramontabile Zanetti, sarà la 757esima presenza con la maglia interista, che supera la bandiera Beppe Bergomi. Il futuro di questa nuova Inter sarà tutta nelle mani, pardon, nei piedi dei calciatori e nelle idee del mister. L'interrogativo è: i piedi e le idee, troveranno un punto d'incontro?

 

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]