Sabato, 14 Ottobre 2017 10:23

David Trezeguet e la Francia bianconera

Scritto da

Con la sua classe purissima e il suo talento cristallino, David Trezeguet non fece altro che rinnovare una tradizione calcistica di altissimo livello, ossia il rapporto privilegiato fra la Francia e i colori bianconeri. E se "Le Roi" Platini è fuori dalla portata di chiunque, e Zidane diciamo pure, è bene ricordare che "Trezegol", come venne affettuosamente ribattezzato dai tifosi di Madama, venne dopo Deschamps, Combin e Henry e in contemporanea con campioni del calibro di Thuram e Vieira; senza dimenticare, negli anni successivi, Paul Pogba e ora Blaise Matuidi. 

ROMA - Si va avanti ma, avanti così, non si va lontani. Risultato di misura contro l’Albania, uno striminzito 1-0 che porta gli azzurri a essere teste di serie ma che non regala grandi emozioni e soprattutto grandi aspettative.

Domenica, 08 Ottobre 2017 11:20

Cabrini: l'avventura del bell'Antonio

Scritto da

Cabrini da Cremona fa sessanta: incredibile se si pensa al bel ragazzo che solcava la fascia sinistra dei campi di gioco d'Italia e d'Europa. 

Domenica, 01 Ottobre 2017 21:31

Pelé: il giorno in cui calò il sipario

Scritto da

Era il 1° ottobre 1977 quando Edson Arantes do Nascimento, universalmente noto come Pelé, disputò la sua ultima partita: un'amichevole che si tenne a New York fra il Santos e il Cosmos, le sole due squadre, oltre al Brasile, che abbiano avuto la fortuna di averlo dalla propria parte. 

Domenica, 24 Settembre 2017 09:10

Il Camp Nou e il buio della Catalogna

Scritto da

Nel periodo più buio e travagliato della Catalogna, con un referendum devastante che si staglia all'orizzonte e mette a repentaglio l'avvenire della Spagna e dell'Europa, ci concediamo una piccola pausa per celebrare il sessantesimo anniversario del magnifico Camp Nou, lo stadio del Barcellona inaugurato il 24 settembre 1957 e che, dunque, compie sessant'anni.  

Sabato, 09 Settembre 2017 08:47

Claudio Sala: il poeta granata

Scritto da

Era il poeta del gol, il Cruijff italiano, l'alfiere di quel tremendismo granata che negli anni Settanta ritrovò per l'ultima volta i fasti perduti a Superga in quel maledetto schianto aereo che costò la vita a una delle compagini più forti di tutti i tempi.

Domenica, 03 Settembre 2017 10:26

L'Italia del calcio specchio del paese

Scritto da

È inutile prendersela con il povero Ventura e con i suoi ragazzi, massacrati per 3 a 0 dalle furie spagnole che hanno letteralmente egemonizzato la serata di ieri al Bernabéu, in quanto non sarà certo lo scaricabarile a farci uscire dalle secche nelle quali ci siamo incagliati ormai da anni.  L'Italia del calcio è lo specchio fedele di un paese in guerra con se stesso: diviso, dilaniato da mille polemiche inutili, stremato dall'incertezza e dalla rabbia e, purtroppo, quasi per nulla competitivo in ambito internazionale. Nel campo sportivo non va meglio.

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Dopo un 2016 deludente, il 2017 restituisce un quadro incoraggiante per l’indust…

La ripresa si è finalmente fatta strada e l’Italia – terzo produttore europeo – cresce ad un buon ritmo (+2,6% stimato per la chiusura dell’anno).  Il miglioramento emerge su più...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La chimica che respiri e il rischio cancerogeno

L’atmosfera urbana è caratterizzata dalla presenza di un insieme vasto ed eterogeneo, da un punto di vista chimico-fisico, di particelle aerodisperse di dimensioni comprese tra 0,005 e 100 μm, costituite...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077