ROMA - Cominceranno questa sera a Saint-Denis, con la prima partita del Girone A tra Francia e Romania, gli Europei francesi, in una Parigi ancora scossa per le due tragedie che l’hanno sconvolta lo scorso anno e per il clima pesante e carico di tensioni che la sta attanagliando quest’anno, a causa dell’arroganza del governo Valls e della reazione di strenua protesta di giovani e sindacati in merito all’approvazione della Loi travail, per giunta senza passare dal Parlamento ma imponendola tramite l’articolo 49.3 della Costituzione.

Cento anni dalla prima edizione, disputata in Argentina e vinta dall'Uruguay nel 1916, quarantacinquesima edizione che prende avvio stasera e andrà in scena negli Stati Uniti fino al 26 giugno, in concomitanza con i nostri Europei: è la Coppa America, un sogno nato negli anni in cui il Vecchio Continente viveva la tragedia della Prima guerra mondiale e smarriva, di fatto, la propria supremazia planetaria dopo quattro secoli di dominio incontrastato.

Lunedì, 23 Maggio 2016 10:04

Serie B, partite truccate dalla camorra: 10 arresti

Scritto da

NAPOLI - Emergono le mani della camorra sul calcio di serie B nel blitz dei carabinieri che ha portato all’arresto di 10 persone.

Domenica, 22 Maggio 2016 11:03

La Juve dieci anni dopo

Scritto da

ROMA - Riavvolgiamo il nastro del nostro racconto sportivo e torniamo con la memoria a dieci anni fa, ai giorni di Calciopoli che scossero il calcio italiano e sconvolsero letteralmente l’ambiente juventino e i suoi tifosi. Ripensiamo alle ore di angoscia nel ritiro di Coverciano, con la Nazio-Juve di Lippi duramente contestata e capitan Cannavaro insultato prima di essere acclamato come un eroe nazionale appena un mese dopo, quando con ogni pronostico sollevò al cielo di Berlino una Coppa del mondo “ch’era follia sperar”.

Lunedì, 09 Maggio 2016 14:49

Chi vincerà Euro 2016? Il punto sulle favorite

Scritto da

ROMA - Manca ormai pochissimo all'avvio della fase finale di Euro 2016, la cui partita inaugurale è in programma per il prossimo 10 giugno allo Stade de France di Saint-Denis (Parigi). Come noto, si tratta di un'edizione 'atipica' di questo prestigioso torneo: contrariamente al recente passato, infatti, le squadre in competizione sono state portate a 24, ed a seguito della fase a gironi, 16 di esse accederanno agli ottavi di finale (anziché passare direttamente ai quarti). 

ROMA - Manca poco pochissimo all’evento continentale calcistico più atteso dell’anno. La finale di ChampionsLeague si disputerà il prossimo 28 Maggio, ma intanto biosgna prima passare dalle gare di andata delle semifinali, che vedranno da una parte ManchesterCity e RealMadrid, dall’altra AtleticoMadrid e BayernMonaco.


Ciò che il lungo cammino iniziato a Settembre ha sentenziato è il seguente: due compagini spagnole su quattro con la riconferma della corazzata tedesca, sempre arrivata dai quarti in poi negli ultimi anni, e la prima storica semifinale conquistata dal City, che si era sempre fermato prima. All’appello manca innanzitutto la detentrice del titolo, che quasi tutti davano per vincente ancora una volta. Ci stiamo riferendo al Barcellona. Sarebbe stata la prima doppia vittoria consecutiva da quando il torneo ha preso il nome di Champions League; l’ultima squadra a centrare questo obiettivo è stato il Milan nel biennio 1989/90 quando la denominazione era Coppa dei Campioni. Si fa riferimento anche alle italiane e si pensa alle due che erano arrivate agli ottavi di finale. La Roma ha troncato il suo percorso contro il Real, mentre la Juventus ha abbandonato il sogno di un’altra finale fermandosi contro un Bayern capace di rimontare da un 2-0 che pareva definitivo. Magra consolazione: i giallorossi e i bianconeri sono stati eliminati, da due possibili finaliste.

MANCHESTER CITY - REAL MADRID: PETROLDOLLARI CONTRO TRADIZIONE

32221111.jpgTra gli inglesi e i madrileni forse questi ultimi partono un passo avanti ma,  guardando ai pronostici sul calcio, nulla è ancora scritto. Zidane si gode un Cristiano Ronaldo che, tanto per cambiare, anche quest’anno ha frantumato vari record a suon di gol. E pensare che a fine Agosto c’era chi lo dava in calo. Questo Real non fa calcio spettacolo, ma ha insita una qualità che se messa nelle giuste condizione può essere letale. Lo ha capito il Wolfsburg, vittorioso all’andata dei quarti, ma capitolato al ritorno senza possibilità d’appello. Perché i Blancos sono così, prendere o lasciare. E anche la Liga è lì a portata di mano, a 1 solo punto di distanza dalla capolista, il Barcellona. Troppa carne al fuoco però, si sa, può essere controproducente. E allora testa alla gara contro un Manchester City che si gode questo storico risultato e che finalmente, può sperare in una finale attesa da anni. Esempio lampante di investimenti che hanno fruttato molto meno del previsto, con una società alle spalle che non ha mai fatto problemi quando si trattava di pagare tanto chi voleva. La stessa stagione in corso ne è la prova, eppure in Premier i ragazzi allenati da Pellegrini distano 10 punti dal Leicester di Ranieri, primo in classifica. 

ATLETICO MADRID - BAYERN MONACO: SCONTRO TRA MAESTRI DELLA PANCHINA

Si prospetta tensione ai massimi livelli nell’altra sfida, che vede l’una di fronte l’altra due filosofie di gioco parecchio differenti. L’Atletico è quella squadra che per carattere e voglia di superare le difficoltà forse,  al momento, non ha eguali in Europa. Rispecchia punto per punto il carattere di un allenatore che non ha mai cambiato le sue peculiarità dai tempi in cui calcava i campi da calcio. La squadra sull’altra riva del Manzanarre è tignosacaparbiaveemente e capace di sbarazzarsi delle “divinità” catalane nel giro di 90’ in cui non uno spillo è passato nell’aria dei Colchoneros. Cinque vittorie, tre pareggi e due sconfitte il bottino di questa stagione in Champions League, ed ora che si è riaperta la Liga gli animi nello spogliatoio sono ancora più “caldi”. Il Bayern e Pep Guardiola, dopo una stagione difficile dal punto di vista degli infortuni, sono ritornati a respirare un po’ e a non hanno nessuna intenzione di mollare all’ultimo come lo scorso anno, quando la finale saltò per un soffio. 

QUATTRO SQUADRE IN OTTIMA CONDIZIONE

Vediamo come arrivano le quattro squadre cominciando dal primo incontro di cartello che è Man City Real, il prossimo 26 Aprile. Entrambe sono al massimo della forma, non hanno neanche squalifiche o infortuni pesanti da gestire. Sarà bello vedere la sfida nelle sfide tra due fuoriclasse come Cristino Ronaldo e Agüero, con il portoghese che vuole allungare sul record di reti segnate in una sola stagione di Champions – al momento è a quota 16 – e l’argentino che cercherà di segnarne uno in più nella doppia sfida. Nei tre precedenti, mai una volta la gara si è conclusa senza gol. Punto su cui riflettere è la fase difensiva perché quest’anno sia City che Real hanno incassato più di 30 gol a testa, maluccio per due corazzate simili. 223455.jpg

Passiamo al 27 Aprile, quando le luci si accederanno al “VicenteCalderón”. Occhi puntati sull’uomo simbolo del trionfo sul Barcellona, Griezmann, ormai diventato la cerniera tra il centrocampo e un attacco in cui troviamo un Fernando Torres rinato, come spesso accade alla punta spagnola. Rinato nel momento giusto, tra le altre cose. Guardiola, che ha festeggiato il titolo tedesco ormai da settimane e usa  la Bundesliga come allenamento privilegiato, ha l’imbarazzo della scelta. Solo i nomi che daranno supporto a Lewandoski, fanno paura: ComanMuller e Douglas Costa, due giovani ma ormai affermati campioni, e un Muller sempre spietato nelle grandi occasioni. Lo spettacolo dei tedeschi sta proprio nel lavoro del centrocampo, che vive di tempi di inserimento e di giocate di prima da rimanere incollati alla tv. Difficile battere i madrileni in casa, visto che arrivano da sei successi consecutivi tra Liga ed Europa.  

 

ROMA - Quello conquistato dalla Juventus è il 32/o scudetto, il quinto di fila.  E' stata di fatto la vittoria della Roma sul Napoli per 1-0 (grazie alla rete di Nainggolan nel finale) a consegnare defininitivamente lo scudetto alla Juventus.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Incendi: un male mondiale

Uno dei fenomeni che sta caratterizzando questa torrida estate è l’impressionante numero di incendi.

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Caso Regeni: per il governo sono più importanti i rapporti commerciali che la di…

Ritirato dall'Egitto come strumento di pressione affinché il governo di Al-Sisi collaborasse per ottenere la verità sui colpevoli del rapimento, delle torture e dell'uccisione di Giulio Regeni, l'Ambasciatore italiano tornerà...

Patrizio Gonnella - avatar Patrizio Gonnella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208