Menu
Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

ROMA - Ogni anno torna la stessa domanda, qualcuno la...

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Con l’avvento del jobs act gli impiegati, le segretarie, i...

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Improvvisamente un autobus parcheggia nella piazza principale (e pedonale) di...

Fermiamo i signori della guerra

Fermiamo i signori della guerra

Trovo vergognosa l’indifferenza con cui noi assistiamo a una ‘guerra...

Gelato Festival Europa  parte alla conquista dell'Europa

Gelato Festival Europa parte alla conquista dell'Europa

Compie otto anni la prima manifestazione itinerante del gelato artigianale...

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

PYONGYANG - Un sito ufficiale nordcoreano ha avvertito gli Stati...

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

PARIGI - I risultati definitivi del primo turno delle presidenziali...

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

ROMA – “Uno nessuno centomila” è l’ultimo romanzo di Luigi...

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

ROMA - Il rispetto e la promozione dei diritti umani...

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

PARIGI - Urne aperte per 47 milioni di cittadini francesi,...

Prev Next

Calcio. Euro 2016: l'Italia mata la Spagna 2-0

Calcio. Euro 2016: l'Italia mata la Spagna 2-0

ROMA - L'Italia accede ai quarti di finale battendo la Spagna per 2-0.

Abbracci, rincorse e urla di gioia incontenibili tra i calciatori e lo staff azzurro presente a bordo campo. La felicità è palpabile e la qualificazione ai quarti di finale è meritata. Gli azzurri con un gol per tempo battono la favoritissima Spagna, vincitrice delle ultime due edizioni.

Il primo tempo è stato tutto a tinte azzurre, con gli spagnoli ordinati ma mai temibili. È l’Italia invece ad andare per ben quattro volte vicino al gol con Pellè di testa, poi con Giaccherini due volte, in acrobazia con la palla che termina sul palo (anche se poi è stato fischiato un fallo per gioco pericoloso dell’attaccante del Bolgna) e poi con un gran tiro che De Gea neutralizza in angolo; infine con Parolo sempre di testa e sempre su cross di De Sciglio, stasera autore di una ottima gara.

E poi finalmente il gol del vantaggio: potente tiro di Eder su punizione e sulla ribattuta del portiere spagnolo, ci mette lo zampino prima Giaccherini e poi lo zampone Chiellini. La Spagna è apparsa a tratti smarrita, soprattutto in difesa. Nella ripresa le furie rosse guadagnano metri e la squadra sale iniziando ad essere più pericolosa, ma la difesa azzurra tiene e Buffon fa il campione salvando il risultato su un tiro ravvicinato di Piquè al 90’.

Il sigillo lo mette ancora una volta Pellè a tempo scaduto. Rivincita dell’Italia che proprio contro gli spagnoli quattro anni fa persero in finale per 4-0.

Ora la Germania, senza paura e con l’entusiasmo alle stelle.

Ultima modifica ilLunedì, 27 Giugno 2016 23:09
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208