Mercoledì, 21 Settembre 2016 11:49

Sci. E' morto Robert Brunner

Scritto da

ROMA  - E' morto Robert Brunner, dopo una lunga malattia all'età di 64 anni. Brunner, originario di Vipiteno, ha accompagnato i grandi campioni degli anni d'oro dello sci italiano.

Fu a fianco di Alberto Tomba dalle medaglie di Calgary nell'88 fino agli anni del gruppo di lavoro composto da Flavio Roda e Gustavo Thoeni. Lasciò la Federazione italiana di sci e la squadra azzurra dopo gli strepitosi successi del Mondiale di Sierra Nevada per lavorare con il Wunderteam austriaco nel '96. Nel 2010 tornò a lavorare con la Fisi, in qualità di team manager dell'Italia dello sci, prima di chiudere la sua lunga carriera ancora con i biancorossi. Protagonista del parterre, Brunner sapeva inscenare memorabili festeggiamenti per i trionfi di Tomba e degli altri azzurri che seguì negli anni successivi. Il suo viso simpatico e i suoi immancabili baffi erano molto noti agli spettatori di tutto il mondo. Negli anni più recenti aveva lasciato il Circo Bianco, ma non mancava di frequentare le zone di arrivo delle gare più importanti. "Il presidente della Fisi, Flavio Roda, i dirigenti, gli atleti, i tecnici e lo staff federale si uniscono al dolore della famiglia Brunner in questo momento di grande tristezza", si legge in una nota sul sito della Federazione italiana di sci. 

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077