Sabato, 21 Marzo 2015 19:26

Rugby 6 Nazioni. Il Galles sconfigge l’Italia 61 a 20

Scritto da

ROMA - Non si può dire di più  di tutto quello che si è scritto e detto sulla nostra nazionale di rugby, e quindi, come ci ha dichiarato Jacques Brunel , che è una nazionale giovane che non ha ancora esperienza, non è abituata alla competizione, a vincere  a “tenere” mentalmente e fisicamente tutti gli ottanta minuti, che molto dipende dal fatto che l’Italia non è un paese dove si gioca a rugby come nelle altre nazioni dove gli iscritti sono più di 300.000 e dove è più facile trovare il talento.

Va bene tutto, ma dopo quindici anni nel Torneo 6 Nazioni, non si può avere una resa così altalenante, o come oggi nell’ultima partita contro la Scozia partire alla grande, giocare un bel primo tempo e poi crollare, perdere concentrazione e palloni e nel giro di quindici minuti farsi realizzare tre mete per poi accasciarsi definitivamente contro la marea rossa. Non si può più accettare, né giustificare con questi argomenti, soprattutto se pensiamo alla nazionale di rugby femminile guidata dalla bellissima Silvia Gaudino,  che nonostante tutti questi handicap dell’Italia, vince nel Torneo molto di più della nazionale maschile. Peccato per questo finale, anche perché proprio oggi Mauro Bergamasco, con la maglia numero 7 a 36 anni (il 1 Maggio) ha giocato il suo ultimo Torneo 6 Nazioni,  dopo una carriera di altissimo livello internazionale e dopo essere stato uno degli artefici della grande popolarità del rugby in Italia.  

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La plastica: arte per i Beni Culturali

La plastica, uno dei flagelli del nostro tempo, merita di essere vista anche dall’altra parte della medaglia. Gli oggetti di plastica finalizzati al benessere dell’umanità sono innumerevoli, come pure i...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077