Domenica, 11 Ottobre 2015 17:40

Rugby: Italia batte Romania 32-22 e chiude terza nel girone

Scritto da

ROMA - L'Italrugby chiude la sua avventura ai Mondiali inglesi di rugby con una vittoria.Nell'ultima gara della Pool D, gli azzurri del ct Brunel hanno superato al Sandy Park di Exeter la Romania con il punteggio di 32-22 (22-3).

Per Geldenhuys e compagni, sconfitti da Francia e Irlanda, si tratta della seconda affermazione nella rassegna iridata dopo quella contro il Canada che permette loro di chiudere al terzo posto nel girone e qualificarsi cosi' ai prossimi Mondiali del 2019 in Giappone.

Missione compiuta per l'Italrugby, che centra il terzo posto nella Pool D dei Mondiali battendo al Sandy Park di Exeter la Romania per 32-22. Un successo che permette a Geldenhuys e compagni di accedere direttamente alla prossima rassegna iridata, che si terra' in Giappone nel 2019.Quattro mete a tre per la Nazionale di Brunel, decimata dagli infortuni e priva di Parisse, messa alle corde nel finale da una coriacea Romania, brava ad arrendersi solo al fischio finale. Per l'Italia, battuta in Inghilterra da Francia e Irlanda, arriva la seconda vittoria mondiale, dopo quella ottenuta contro il Canada, che pero' non salva del tutto una spedizione che dovra' aprire serie riflessioni nelle sedi opportune in vista del futuro del rugby tricolore.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077