ROMA - Antonello Avallone Woody Allen lo rappresenta dal 1992. Una costanza che gli ha fatto guadagnare sul campo il meritato soprannome di “Woody Allen italiano”. Portare sul palco sceneggiature nate per il grande schermo non è semplice: “le inquadrature, la fotografia, i primi piani, sostengono la scrittura”, ricorda giustamente Avallone.

Published in Cinema & Teatro

ROMA - Accade raramente che prendendo un libro in mano si sia disposti ad abbandonarsi completamente alla storia sin dalla prima pagina. Soprattutto se a scrivere è qualcuno che si cimenta in campo letterario solo per la seconda volta.

Published in Il libro

ROMA - La firma di Mattia Torre è ormai da anni garanzia di qualità. È per questo che poco prima della messa in scena del suo 456  le voci degli spettatori dell’Eliseo in coda per entrare in sala ripetevano costantemente che dello spettacolo si aspettavano molto ma sapevano poco, se non che “ci stanno quelli di Boris”.

Published in Cinema & Teatro

ROMA - Quattro donne condividono una cella di pochi metri quadrati. Sono di estrazione sociale diversa ed hanno caratteri non facilmente compatibili.

Published in Cinema & Teatro

ROMA - Il luogo del debutto de “La donna di garbo”, nel 1749, era stato il Teatro delle commedie di Livorno. Ora, per un suggestivo intreccio del destino, a riproporre la commedia di Carlo Goldoni è un regista livornese, Emanuele Barresi, assieme a un cast che comprende molti conterranei. Fa eccezione la protagonista, interpretata dalla veneziana Debora Caprioglio.

Published in Cinema & Teatro

ASSISI (nostro inviato) Dopo l’incontro con Gina Lollobrigida  il dibattito moderato da Marco Spagnoli ha chiuso la sezione collaterale del XXXI Primo Piano sull’Autore, intitolata  “Dove va il cinema italiano? Oltre la commedia, le nuove proposte”, che ha visto la proiezione gratuita di pellicole di successo, realizzate nell’ultima stagione.

Si è discusso sul ruolo del nostro nuovo cinema nel sistema produttivo, sulla possibilità, attraverso i generi, di una diversificazione dell’offerta che incoraggi la ripresa dell’industria. Gli interventi focalizzati soprattutto sulle difficoltà generate dalla congiuntura: tagli ai fondi pubblici, la presenza sempre più ingombrante della pirateria informatica, la crisi delle sale, quella vocazionale degli autori e -  tasto più volte ribadito -  l’inadeguatezza di una legislazione che fa fatica a proteggere la produzione nazionale. Queste le indicazioni sulle principali cause della crisi del cinema italiano individuate dai protagonisti riuniti ad Assisi. Veri e propri appunti per il prossimo Ministro della Cultura.

Ecco in sintesi alcuni degli interventi:

Emiliano Corapi (regista del noir Sulla strada di casa) ha raccontato delle difficoltà incontrate per realizzare la sua opera: “I grandi produttori italiani non sono interessati ad un film che non sia una commedia.”

 Il regista Claudio Sestieri ha invece puntato il dito sull’inadeguatezza legislativa e la crisi delle sale: “avevamo riposto molte speranze nella nuova legge sul cinema, copiata da quella francese che è all’avanguardia e che prevede che anche i provider di internet contribuiscano al finanziamento del cinema. Ma questa proposta giace da tempo nei cassetti della Camera. Altro problema è che le sale stanno morendo ed anche producendo più film, questi non avranno sbocchi. E se i negozi non ci sono la merce non si vende.”

Aureliano Madei (20 sigarette) ha indicato alcune idee per rilanciare la cultura del cinema fra il pubblico: “Le sale potrebbero incentivare il biglietto per far fruire agli utenti una intera giornata di cinema, e bisognerebbe avere più coraggio per creare un circuito produttivo alternativo anche per i generi”.

Il giornalista Antonello Sarno ha sottolineato il fatto che i grandi autori italiani non si sono schierati apertamente contro la pirateria informatica.

Il regista Massimo Guglielmi sottolinea che la crisi è di tutta la società: “La gente fa fatica ad arrivare a fine mese e questo Paese ha disinvestito dal settore culturale. Dobbiamo chiederci se sia ancora giusto fare questo cinema, visto che non abbiamo più le energie economiche ed intellettuali per raccontare quello che ci sta accadendo intorno”.

Published in Cinema & Teatro

ROMA – Continua la mostra dedicata alle migrazioni umane che si concluderà il 2 aprile 2013.

Published in Cultura

ROMA – Continua la mostra dedicata alle migrazioni umane che si concluderà il 2 aprile 2013.

Published in Eventi da non perdere

ROMA - Lei è un’attrice affermata con la passione per le sette note e ha pubblicato nel 2005 l’album Don’t be shy per poi interpretare con Mauro Ermanno Giovanardi una rilettura di Bang Bang, inserita nell’acclamato Ho sognato troppo l’altra notte? dell’ex leader dei ‘La Crus’, condividendo con l’autore anche i palchi, come quello del ‘Blue Note’ di Milano.

Published in Musica

ROMA - Abraham Stoker è nato oggi,  otto novembre,  correva l’anno 1847. Stocker é il padre, "spirituale" di coloro che si sono cimentati nella scrittura di romanzi sui vampiri, al quale hanno guardato scrittori e grandi registi.

Published in Letteratura

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]