Ricercatori del gruppo di Nanofotonica dell’Istituto di scienze applicate e sistemi intelligenti del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isasi), in collaborazione con l’Istituto di biochimica e biologia cellulare (Cnr-Ibbc) e la Molecular Foundry (Lawrence Berkeley National Laboratory, USA), hanno mostrato che sfruttando queste tecnologie è possibile manipolare e confinare la luce su dimensioni del miliardesimo di metro, consentendo di misurare e visualizzare con una precisione incredibilmente elevata le caratteristiche ottiche di qualsiasi campione con cui entri in contatto. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista ACS Nano

Published in Scienza & tecnologia

Uno studio multidisciplinare, condotto a maggio 2020, analizza le concentrazioni in atmosfera di SARS-CoV-2 a Venezia e Lecce, evidenziandone le implicazioni per la trasmissione airborne. La ricerca, pubblicata su Environment International, è stata condotta da Cnr-Isac, Università Ca' Foscari Venezia, Cnr-Isp e Istituto zooprofilattico sperimentale della Puglia e della Basilicata 

Published in Scienza & tecnologia

Il Consorzio per il Nucleo di Industrializzazione della Provincia di Pordenone, con sede a Maniago, ha individuato in Area Science Park di Trieste, nota agenzia per l’innovazione, il giusto interlocutore con il quale sviluppare uno studio approfondito sui rifiuti prodotti dalle aziende insediate nelle zone industriali di competenza con l'obiettivo di iniziare a sviluppare riflessioni riguardanti l'economia circolare e le simbiosi industriali.

Published in Scienza & tecnologia

Ricercatori dell’Istituto di struttura della materia del Consiglio nazionale delle ricerche, dell’Università di Milano Bicocca e dell’azienda Glass to Power hanno messo a punto un materiale a basso impatto ambientale e ad alto rendimento per la realizzazione di dispositivi fotovoltaici integrabili nelle costruzioni. I risultati della ricerca sono pubblicati su Joule – Cell Press 

Published in Scienza & tecnologia

I neoantigeni, minuscoli marcatori che derivano da mutazioni del cancro e contrassegnano le cellule cancerose potrebbero essere la chiave per sbloccare una nuova generazione di immunoterapie. Mirare agli neoantigeni "giusti" attraverso un vaccino contro il cancro o una terapia cellulare potrebbe infatti eliminare il cancro di un paziente con effetti collaterali minimi. Ma in un tumore possono esistere centinaia di mutazioni e solo alcune possono dare origine a neoantigeni che possono innescare una risposta immunitaria contro il cancro. La domanda rimane: quali?

La ricerca di alcuni scienziati lanciata dal Parker Institute for Cancer Immunotherapy (PICI) e dal Cancer Research Institute chiamata Tumor Neoantigen Selection Alliance (TESLA) hanno scoperto alcuni importantri parametri per prevedere meglio quali neoantigeni sono in grado di stimolare un effetto cancerogeno. TESLA riunisce un team di eccellenza che comprende 36 ricercatori nel campo biotecnologicoa, farmaceutico, universitario e scientifico senza scopo di lucro. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell e potrebbero dar vita ad una nuova generazione di immunoterapie contro il cancro più efficaci e personalizzate.

Attraverso un'analisi computazionale avanzata, il team ha scoperto cinque caratteristiche che indicavano fortemente quali marcatori di cancro avevano maggiori probabilità di generare una risposta immunitaria. Si dividono in due categorie principali: il modo in cui il neoantigene viene presentato sulla cellula cancerosa e il modo in cui il neoantigene viene riconosciuto dal sistema immunitario.

Quando il modello di dati che enfatizza queste cinque caratteristiche è stato messo alla prova contro un altro set di campioni di cancro, ha previsto con precisione il 75% dei bersagli neoantigeni efficaci e ha filtrato il 98% di quelli inefficaci. "Il nostro obiettivo è che i dati prodotti da TESLA diventino lo standard di riferimento quando si sviluppa un nuovo trattamento a base di neoantigene", ha affermato Daniel Wells, Ph.D., principale data scientist presso PICI e autore corrispondente dello studio. "Se ogni metodo, vecchio e nuovo, utilizzasse i dati per confrontare le proprie previsioni, l'intero campo sarebbe in grado di collaborare e migliorare ulteriormente nuovi metodi molto più rapidamente."

Per produrre questo "benchmark", ogni team di TESLA ha presentato le sue più promettenti previsioni sui neoantigeni per il melanoma e il cancro del polmone non a piccole cellule (NSCLC) all'organizzazione no profit Sage Bionetworks. PICI ha quindi confrontato e convalidato le previsioni corrette e riconoscibili da una cellula T. Quando le cinque caratteristiche appena trovate sono state riapplicate agli algoritmi dei team partecipanti, le previsioni sono migliorate in modo misurabile.

“Fino ad ora, la previsione del neoantigene è stata una scatola nera. Abbiamo avuto suggerimenti su quali caratteristiche potrebbero essere importanti. Il modello di dati di TESLA è il primo a identificare queste cinque caratteristiche come significative ", ha detto il professor Robert D. M. del Bursky Center for Human Immunology & Immunotherapy Programs presso la Washington University School of Medicine di St. Louis. Indubbio che sono necessari ulteriori studi in altri tipi di cancro, ma le scoperte rappresentano un significativo passo avanti per la ricerca sul neoantigene.

"Questa ricerca ha il potenziale di migliorare gli algoritmi matematici dei produttori di farmaci e dei ricercatori. Può dare la priorità agli antigeni che hanno più probabilità di essere presenti nel cancro di ogni paziente e più visibili al sistema immunitario, mentre deprezza quelli che non lo sono. Ciò significa migliori trattamenti personalizzati per i pazienti ", ha affermato Lisa Butterfield, vicepresidente della ricerca e sviluppo presso PICI. "Siamo entusiasti di vedere dove porteranno questi risultati."

Gli studi di TESLA sono già disponibili gratuitamente per la comunità di ricerca. La speranza è che possa portare a uno sviluppo accelerato della terapia personalizzata e persino a una migliore efficacia per i malati di cancro in tutto il mondo.

Published in Scienza & tecnologia

Inaugurazione in live streaming a Padova  venerdì 25 settembre, alle 20.30, con la keynote di Telmo Pievani “Pandemia 2020: una storia darwiniana”. Intervengono Sergio Della Sala e Daniela Ovadia, conduce Massimo Polidoro 

Published in Scienza & tecnologia

Un team di ricercatori del Dipartimento di fisica della Sapienza Università di Roma e dell’Istituto dei sistemi complessi del Cnr, ha proposto un nuovo modello di intelligenza artificiale che sfrutta la propagazione di onde per compiere attività complesse come comprendere un testo o guidare un’automobile. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Physical Review Letters L’intelli

Published in Scienza & tecnologia

La riduzione del livello degli estrogeni associata alla menopausa è un fattore di rischio, ma uno studio condotto da un gruppo di ricercatrici del Cnr-Ibbc mette in luce che gli stessi ormoni, sin dalla prima fase dello sviluppo, potrebbero favorirne l’insorgenza.

Published in Scienza & tecnologia

Il National Cancer Center Giapponese ha avviato un progetto di collaborazione con cinque paesi del sud-est asiatico per sviluppare farmaci genomici per il cancro e altri nuovi farmaci per fornire un trattamento migliorativo ai pazienti che presentano questo tipo di patologie

Published in Scienza & tecnologia

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Published in Il punto
Pagina 1 di 20

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19: “Chiunque trovi il vaccino deve con…

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19:  “Chiunque trovi il vaccino deve condividerlo"

Trasparenza, cooperazione globale e responsabilità per una cura alla portata di tutti. I governi dovrebbero massimizzare l'accesso al vaccino Covid-19 e garantirlo economicamente alle persone in tutto il mondo, ma altresì...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]