DAMASCO- Il primo ministro siriano Hijab, fuggito in Giordania, denuncia che "in Siria si sta consumando un genocidio collettivo".

Published in Mondo

DAMASCO - In un nuovo rapporto pubblicato oggi sulla Siria, Amnesty International ha affermato che l’assalto lanciato in questi giorni dalle forze governative contro la citta’ di Aleppo costituisce il culmine di mesi di brutale repressione contro le voci dissidenti.

Published in Mondo

DAMASCO - In Siria si continua a combattere instancabilmente. Battaglie sono infuriate nel corso della notte e questa mattina in diversi quartieri di Aleppo, la seconda città della Siria, mentre  alcuni attivisti hanno segnalato disordini anche nel campo palestinese di Yarmouk a Damasco. 

Le battaglie ad Aleppo fanno seguito ad  una giornata di aspri combattimenti in città, dove il regime di Bashar al Assad ha inviato in fretta e in furia rinforzi in seguito all'assalto lanciato dai ribelli del 20 luglio. "Ci sono scontri nei quartieri di Mushhad e Sheikh Badr, che hanno provocato la morte di un bambino e ferito sette persone", ha segnalato l'Osservatorio siriano per i diritti umani, l'organizzazione non governativa con sede in Gran Bretagna. 

Malgrado i combattimenti, ci sono manifestazioni di massa nei quartieri di Furqan, Ashrafiyeh e Nuova Aleppo per chiedere la caduta del regime e le dimissioni del presidente Bashar al Assad, sempre secondo quanto indicato dall'Osservatorio. 

L'ong ha parlato di diciannove civili e tre ribelli uccisi nei combattimenti di mercoledì ad Aleppo. Diversi villaggi rurali e città nella provincia di Aleppo sono stati bombardati dall'esercito siriano, ha aggiunto. A Damasco, battaglie di strada sono state segnalate nel campo palestinese di Yarmouk nel sud della capitale.

Al momento sembra che l'esercito siriano stia ammassando truppe, fra cui forze speciali, attorno alla città di Aleppo, per cui sembra imminente un'offensiva, questo secondo quanto riportato dall'agenzia France Presse fonti della sicurezza siriana a Damasco.

"Le forze speciali si sono schierate fra ieri e oggi a est della città e altre truppe sono arrivate per partecipare a un'offensiva massiccia domani o sabato", ha rivelato la fonte, secondo la quale dai 1.500 ai 2.000 uomini di rinforzo si sono concentrati in zona per dare manforte ai militari che combattono contro i ribelli in diversi quartieri di Aleppo. Si troverebbero soprattutto nei quartieri di periferia del sud e dell'est di Aleppo, in particolare a Salaheddin e nei quartieri vicini.

Gia nei giorni scorsi fonti dei ribelli avevano rivelato che migliaia di truppe erano state ritirate dalla provincia di Idlib per spostarle verso Aleppo. 

Intanto il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato la Siria di aver permesso ai ribelli curdi di operare nel nord del paese ed ha avvisato che Ankara non esiterà a combattere il Pkk oltre il confine.

"Nel nord il regime del Presidente Bashar al-Assad ha consegnato 5 province ai curdi, una organizzazione terroristica", ha sottolineato Erdogan alla tv turca riferendosi proprio al partito dei lavoratori del kurdistan (pkk). Alla domanda se Ankara colpirebbe i ribelli curdi, in fuga magari da un attacco sul suolo turco, al di là della frontiera Erdogan ha risposto: "non è nemmeno una questione da discutere, è un dato di fatto".

Sempre secondo il premier turco, Recep Tayyip Erdogan, il presidente siriano Bashar al Assad e quelli della sua cerchia stanno per andarsene, spianando il terreno per una "nuova era" in Siria.

Published in Mondo

DAMASCO - Sono più di 300 le persone uccise ieri negli scontri in Siria. Lo sostiene l'Osservatorio siriano dei diritti umani, ong con sede nel Regno Unito.

Published in Mondo
Giovedì, 05 Luglio 2012 18:37

Siria. Un Paese dal futuro troppo incerto

ROMA - Nonostante il susseguirsi di incontri diplomatici internazionali, il destino della Siria è ancora oscuro. Troppi i fronti, troppi gli interessi in gioco, e la tragedia umana rischia di finire sullo sfondo.

Published in Mondo

ROMA - Provare a decifrare la situazione siriana dalle notizie frastagliate che ne valicano il confine è impresa ardua.

Published in Mondo

ROMA - Non ha usato mezzi termini il premier turco, Recep Tayyip Erdogan definendo un atto intenzionato, efferato ed ostile l'abbattimento venerdì scorso del jet militare da parte delle forze siriane.

Published in Mondo

DAMASCO - Il jet turco abbattuto dall'aviazione siriana «ha violato chiaramente la sovranità siriana». Lo ha fatto sapere Jihad Makdissi, portavoce del ministro degli Esteri siriano, aggiungendo che la Siria «nega le menzogne» dei funzionari turchi. «La Siria ha reagito alla violazione» ha dichiarato in una conferenza stampa sull'incidente di venerdì scorso. «Dovevamo reagire immediatamente, anche se l'aereo fosse stato siriano avremmo dovuto abbatterlo» ha aggiunto. Makdissi.

Published in Mondo

DAMASCO - Sono almeno 52 le persone uccise in Siria nelle ultime 24 ore nella repressione militare condotta dal regime e nelle violenze in corso ormai da più di 15 mesi.

Published in Mondo

DAMASCO - Oltre un migliaio di famiglie sono intrappolate a Homs, la città della Siria centrale assediata dalle forze del regime di Assad e sotto bombardamento quotidiano.

Published in Mondo

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]