Lunedì, 15 Aprile 2013 07:34

Femminicidio. L'importanza della prevenzione. PARTE 9

Scritto da

Un' altra proposta di intervento per la prevenzione del femminicidio e della violenza sulle donne è quella relativa all' intervento degli psicoterapeuti in ambito scolastico, a partire dall' asilo

ROMA - Già dall’ età dell’ asilo si dovrebbe inserire, in modo adeguato all’ età, il discorso del rispetto nei comportamenti tra uomini e donne, o meglio in questo caso  tra bambini e bambine.  Ancora più importante sarebbe  insegnare ai ragazzi  come gestire le emozioni in un contesto non solo culturale, poiché questo sarebbe limitativo in quanto toccherebbe essenzialmente la parte razionale della persona,  ma anche esperienziale , poiché questa modalità toccherebbe l’ individuo nella sua totalità, includendo  il suo mondo emozionale profondo. Si sa che l’ equilibrio di una persona nasce dall’ armonia fra testa e cuore ed è in questa direzione che occorre andare.
 Il Dalai Lama sostiene che se ad ogni bambino dagli  otto anni  in poi , fosse insegnato a meditare elimineremmo la violenza dal mondo nel giro di una generazione.
La meditazione,  non mi  risulta  sia mai entrata nelle scuole , come pure i gruppi di ascolto dei ragazzi condotti e gestiti da  psicoterapeuti.
La meditazione può assumere aspetti assai articolati ; si può meditare in silenzio ma anche cantando,  ridendo senza fermarsi mai o  piangendo senza fermarsi mai , entro un tempo prestabilito, danzando secondo certi schemi, portando la mente a collegarsi con qualcuno che è distante o su un particolare  aspetto circa il quale vogliamo sapere di più.
Ci sono tecniche gestite come giochi ,che utilizzano il disegno da realizzare in base a un tema di partenza e le storie  che da questo si possono creare,  che consentono di fare diagnosi e terapia contemporaneamente senza che i bimbi abbiano  la sensazione  spiacevole di essere  osservati o messi davanti ad un compito. Tecniche di gruppo che consentono di portare fuori un mondo emozionale doloroso o problematico per  bimbi che si alleggeriscono  così di eventuali grossi pesi.
Ci sono tecniche, come  quella dello psicodramma, che consentono di recitare e di sentire quindi con tutta la completezza del proprio  essere , situazioni  che i partecipanti del gruppo propongono come eventi da comprendere più a fondo e secondo angolazioni diverse, per divenire sempre più consapevoli di sé e quindi più padroni di sé, imparando a sentire e a riconoscere il  loro mondo emozionale senza esserne più travolti.
Per ogni età ci sono tecniche particolari da usare, tutte molto efficaci ,che vanno sempre gestite da specialisti in psicoterapia, perché vanno nel profondo e proprio per questo sono molto efficaci ma anche molto  delicate da gestire.


Nella prevenzione della violenza sulle donne e del femminicidio è fondamentale che tutta quanta la base culturale che socialmente  si diffonde e si radica attraverso l’ educazione, ( sarebbe forse più adeguato dire mala educazione ) che gli adulti impartiscono ai bambini , venga rivisitata e corretta sul piano della informazione, che è rivolta alla razionalità.  Deve esserci però,  contemporaneamente, un lavoro gruppale che vada a toccare il  nucleo più profondo  dell’ essere, cioè il mondo emozionale,  perché è solo su quel  piano che avvengono le vere,   reali trasformazioni . Nel superamento dei nostri limiti , o delle nostre patologie,  prima occorre capire, e questo  è il piano della razionalità dal  quale non si può prescindere.  Dopo avere capito, il  passaggio successivo è l’ avere sentito. .E’ il passaggio dalla testa al cuore, dove il sentito non è riferito all’ udito, ma alla sensazione , alla sensibilità, alla emozione. E’ l’ insight, è l’avere capito veramente, su tutti i livelli ed è a questo punto che si realizza il cambiamento, l’ evoluzione, il passaggio da un livello più basso ad uno superiore.
E’ a questo punto che possiamo comprendere che le prove che la vita ci offre non sono fatte per distruggerci , a meno che non siamo noi ad entrare nel ruolo di vittime, ma per sviluppare il nostro potere.
Attraverso le prove impariamo le lezioni della vita, esse sono parte della legge dell’ evoluzione.


... continua ...

Manuela Gianantoni

La Dottoressa Manuela Gianantoni Psicologa-Psicoterapeuta riceve per appuntamento presso il suo studio sito in Via Alberico Crescitelli 1A- Roma Axa. 

Per il primo contatto scrivere all’indirizzo  Email: [email protected]

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]