ROMA - Napolitano lascia aperta la porta alla grazia per Berlusconi. Qualcuno invoca l'amnistia. Marx è morto, il Pd è morto e neanche io mi sento tanto bene!

Stadio Pd, campionato di calcio 2013-2014. Formazione non ufficiale: Zingaretti, Boldrini, Vendola, Pisapia, Rodotà, Zagrebesky, Prodi, Barca, Puppato, Renzi, Civati.

ROMA - E' un po' che non vedo il vecchio. Mi sono dato da fare, ho inviato una settantina di curricula, ho rispolverato l'agenda delle vecchie fiamme e ho rivisto Caterina.

Accanto al nostro tavolo quattro vecchi giocano a briscola. E' la prima mano e uno guarda in alto, ha il re del seme regnante. Il compagno se la ride. Gli avversari si innervosiscono, buttano le carte sul tavolo.
Tonino mi versa il Lambrusco.

Il caffé della mattina non funziona più. Devo accendere la tele e spararmi una flebo di rassegne stampa per drizzare i capelli e connettere un po'. Aspetto il turno dei giornali di sinistra, per vedere titoli di sinistra, ma la cosa è sempre più difficile. Le pagine sfogliate in tv sanno di Berlusconi, hanno la firma di un elefantino o di un mostro di pietra (il simpatico M. Belpietro). E' qui, tra le righe, che mi sveglio. Che mi accorgo di aver perso terreno anche dove c'eravamo sempre stati, sulla carta stampata.

ROMA - Giorni di colite. Nervosa. Dolorosa. Ho preso qualche giorno di malattia da quel che resta del mio lavoro. Sono stato chiuso a casa. Mentre Epifani fissava per fine dicembre il tempo massimo per il Congresso, Renzi alzava la voce per le regole - primarie aperte, chiuse, socchiuse: si vedrà -, Boccia proponeva di inserire la clausola della fedeltà al Governo per tutti gli aspiranti segretari ed io espellevo le mie ultime speranze di sinistra come fossero acqua, seduto sul gabinetto.

Oggi al bar c'è un agente di vini. Si beve gratis. Farà degustare i prodotti che rappresenta al proprietario e a tutti i clienti. Io e Tonino siamo al solito tavolo, è il momento giusto per farci una chiacchierata sulle correnti del Pd.

Mercoledì, 03 Luglio 2013 08:50

Tormentone d'inizio estate: Ma chi è Cuperlo?

Scritto da

La mia azienda ha deciso di smuovere qualcosa. Mi ha beffato un'altra volta. Non sono più a 0 ore. Oltre alla cassa integrazione ho due ore di servizio. Sarebbe a dire che ogni giorno lavoro un'ora, poi due ore di cassa integrazione, poi un'altra ora di lavoro ed infine altre due ore di cassa integrazione.

La Milwaukee è l'Italia nostrana che arranca nella crisi globale, la famiglia Cunninghan è il Pd.
Famiglia borgese, con un non so che di popolare. Il padre, proprietario di una ferramenta, è il Professor Prodi, la madre, casalinga, è Rosy Bindi. Il locale dove i figli passano il loro tempo libero, Arnold's, è il Parlamento. Tra il burlone Ralph, D'Alema, la faccia pulita di Potzie, Veltroni e la sorella Jonie, la Serracchiani, Richie cresce assieme al suo amico Fonzie.

Pagina 1 di 2

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

La chimica è ovunque. E resiste anche alla crisi

La filiera chimica, con il motore della ricerca e dello sviluppo perennemente acceso, non trasferisce solo prodotti ma anche tecnologia e innovazione, aumentando la competitività dei settori a cui sono...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Cambia il clima e l’alimentazione. Ecco cosa mangeremo nel futuro

Il clima sta mutando. La Terra si fa sempre più affollata. E con una popolazione globale che supererà i nove miliardi e mezzo di esseri umani entro il 2050, anche...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077