Martedì, 30 Agosto 2011 19:57

Libia. Gheddafi fuggito a Sebha

TRIPOLI - Il colonnello Muammar Gheddafi sarebbe rimasto a Tripoli fino a venerdì, quando sarebbe riuscito a fuggire verso la città meridionale di Sebha, sua storica roccaforte. È quanto sostiene una giovane guardia del corpo del figlio Khamis, citata dall'emittente britannica Sky News.

Published in Mondo

TRIPOLI - Il loro obiettivo è certamente il raìs ma non solo, i ribelli infatti sono alla ricerca dei  membri sopravvissuti della famiglia Gheddafi  e dei suoi più stretti collaboratori, ma quanti però sono ancora in Libia?

Published in Mondo

TRIPOLI - Sembravano scomparse le famose amazzoni, le guardie del corpo speciali di Muammar Gheddafi. Invece cinque di loro hanno denunciato a una psicologa di Bengasi di essere state violentate dal rais e dai suoi figli. La notizia è stata diffusa dal quotidiano maltese  Times of Malta attraverso il suo sito internet.

Published in Mondo

TRIPOLI - E' scattata la grossa taglia sull'imprendibile Colonnello Gheddafi. Vivo o morto, poco importa come avverrà la consegna, purchè questa mossa segni simbolicamente la fine  del dittatore libico.

Published in Mondo

TRIPOLI - Gheddafi non vuole proprio arrendersi alla bruciante sconfitta che gli insorti gli stanno infliggendo. Il rais è così convinto della sua onnipotenza che nella notte è tornato a farsi vivo con un nuovo delirante messaggio via radio: "Vittoria o morte contro l'aggressore" ha tuonato il Colonnello, il quale dice  di aver fatto una passeggiata in incognito per Tripoli e di aver invitato i libici a  ripulire  la città dai "ratti", ovvero dagli insorti. Ma non è tutto. Il rais ha aggiunto che la ritirata dalla sua residenza bunker sarebbe stata solo una mossa tattica.

Published in Mondo

ROMA - Il Venezuela non riconoscerà mai il consiglio nazionale transitorio libico perchè considera quello di Muammar Gheddafi l'unico governo legittimo della Libia. È quanto ha detto Hugo Chavez, parlando nel giorno della presa da parte dei ribelli del compound del rais libico a Tripoli.

Published in Mondo

TRIPOLI - Ogni minuto, ogni ora che passa sembra sia quella decisiva per mettere fine alla guerra libica.

Published in Mondo

«Sono ripresi i combattimenti nella zona orientale di Tripoli: forti esplosioni e scambi di colpi di armi pesanti si odono nella capitale libica- A riportarlo è l'inviato dell'ANSA sul posto.-Gli scontri sono in corso all'incirca nella stessa zona presa di mira nella notte dagli aerei Nato che hanno continuato a sorvolare la città fino alle prime luci dell'alba. Al momento le strade della città sono ancora deserte, dopo il caos di ieri».

Published in Mondo

TRIPOLI -  Una presentatrice della tv di Stato libica è andata in studio in diretta tenendo in mano una pistola e minacciando i ribelli che stanno dando l'assalto alla capitale di non provare ad avvicinarsi all'edificio della tv di Stato. "Siamo tutti armati e pronti a difenderci e pronti al martirio", ha detto con enfasi dallo studio la presentatrice, una ragazza sui trent'anni, non velata.

Published in Mondo

TRIPOLI - «Gli insorti libici hanno dato il via all'operazione "Alba della sposa del mare" (Fajr Arus al Bahr) per "liberare" Tripoli». E' quanto ha afferma la tv Al Arabiya citando "fonti della rivoluzione" libica. 'Sposa del mare' Mediterraneo è uno degli appellativi con cui viene chiamata la capitale libica.

Published in Mondo

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]