Giovedì, 21 Giugno 2012 15:06

Obesità genetiche: per combatterle serve un mix di dieta, movimento e farmaci

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Nella Residenza Sanitaria Sperimentale di Magi a San Felice del Benaco si potrà concentrare tutto questo


ROMA - Per combattere le malattie, in particolare quelle genetiche, il primo passo oggi è sempre una diagnosi esatta, ma è solo l’inizio di un percorso. Dopo serve affrontare la malattia: è necessario usare sapientemente tutte le armi a disposizione.  E’ difficile oggi trovare centri dove i pazienti affetti da obesità genetiche possano avere insieme tutte queste terapie anche perché gli specialisti che le conoscono e se ne occupano sono ancora pochi. Così MAGI ha deciso di dare una casa alle obesità genetiche nella  Residenza Sanitaria Sperimentale di San Felice del Benaco (Brescia) (www.residenzialelamargherita.it), un albergo privato che è stato donato all'istituto di genetica e che dovrebbe essere operativo, nella nuova destinazione, in tempi brevi. Qui verranno ospitate delle vere e proprie task force per gruppi omogenei di patologie.  “Ci saranno dei periodi  – ha spiegato ancora Bertelli – in cui avremo i maggiori esperti della patologia e i bimbi che saranno nella residenza potranno avere la migliore riabilitazione e le più moderne terapie, anche sperimentali”. Tutto questo è possibile grazie ad una rete di solide alleanze che MAGI ha sviluppato nel corso degli anni. Di particolare rilievo per quanto riguarda le terapie e la riabilitazione delle obesità genetiche sono le collaborazioni con l’Ospedale San Giovanni Battista di Roma, con l’Unità Dama dell’Ospedale San Paolo di Milano e con la Fondazione Mimmo Castorina per la disabilità grave, oltre che con singoli specialisti.    

“Al San Giovanni Battista – ha spiegato il prof. Sandro Michelini Direttore U.O. riabilitazione malattie rare del sistema vascolare e linfatico – lavoriamo da tempo con MAGI sul linfedema, una malattia che colpisce anche i grandi obesi, e abbiamo apprezzato molto la volontà di dedicarsi a questo tema. Oggi questi pazienti hanno difficoltà a trovare assistenza e avere una residenza sanitaria è un’esigenza reale. Sono pazienti che convivono con il dolore provocato dall’incredibile sviluppo dei tessuti molli o dallo sfregamento meccanico della pelle quando devono muoversi, possono avere problemi circolatori e di respirazione, le diete falliscono e la depressione è sempre in agguato, hanno bisogno di un approccio globale.  Col caldo poi tutto peggiora”.

“Ben vengano iniziative come questa – ha detto il prof. Angelo Mantovani, coordinatore scientifico dell’Unità DAMA dell’Ospedale San Paolo di Milano e tra i fondatore della Fondazione Mimmo Castorina,  due eccellenze nell’ambito dell’accoglienza medica di persone con disabilità gravi, intellettive e neuromotorie –  Dopo 12 anni di esperienza all’Unità Dama nell’accoglienza  di persone con gravissime disabilità ho contribuito alla nascita della Fondazione Mimmo Castorina proprio per rispondere a questa esigenza. I pazienti di cui ci occupiamo noi e MAGI sono diversi e direi complementari. Ciò che ci unisce è il cercare un diverso approccio alla persona, il coinvolgimento della famiglia, e il voler guardare in un modo più globale alla disabilità”.    

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]