Sabato, 08 Settembre 2012 14:36

Cancro al seno. Dal ‘Manto della Vergine’ la speranza di un nuovo antitumorale

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

E’ un’erba tradizionalmente usata in Pakistan ma reperibile anche in Europa

ROMA - Non sarebbe il primo caso in cui quello che viene considerato un ‘rimedio della nonna’ trova invece riscontro sotto gli occhi severi della scienza. Potrebbe essere così anche per la Fagonia cretica, anche conosciuta come Manto della Vergine, che sembrerebbe in grado di coadiuvare il trattamento per il cancro al seno. Si tratta di una pianta molto comune in Pakistan, utilizzata per preparare un ottimo tè alle erbe chiamato Dramah. Questa erba è però reperibile anche più vicino a noi, come ad esempio in alcune zone della Spagna e soprattutto nelle isole Baleari.

Il trattamento con questa pianta viene utilizzato da anni per trattare il cancro al seno nelle zone rurali del Pakistan, ma fino ad oggi era stato considerato unicamente un ‘rimedio della nonna’. Gli scienziati della Aston University di Birmingham hanno però dimostrato che, in test di laboratorio, l’estratto vegetale è stato in grado di uccidere le cellule tumorali senza danneggiare le cellule sane.

Il team medico sta ora cercando di identificare l’elemento o gli elementi del vegetale con proprietà antitumorali. “Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire il ruolo dell’estratto nella gestione del cancro – spiega la prof. Helen Griffith della Aston University – prima di poter iniziare a sperimentare il trattamento sui pazienti”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]