Sabato, 15 Settembre 2012 10:52

Iran. Uomo impiccato in pubblico. Prima dell'esecuzione ha gridato "sono innocente"

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Solo nell'ultima settimana 13 impiccagioni. I reati non sono stati resi noti

TEHERAN - L’'11 settembre un uomo è stato impiccato in pubblico a Teheran. Lo riporta l’agenzia ufficiale Fars, che identifica il giustiziato come Sadegh Moradi, 27 anni, noto sui media come “Scorpione nero”. Era stato riconosciuto colpevole dello stupro di quattro donne e di aver sequestrato e di averne derubate altre 14 precisa l'’agenzia. Moradi in precedenza era stato prosciolto dalle accuse di stupro e condannato a 10 anni di carcere, tuttavia a seguito di proteste il suo caso fu inviato alla Corte Suprema, che ripristinò la condanna a morte.
L'’impiccagione ha avuto luogo alle 6.06 di mattina in piazza Sabalan. Prima dell’esecuzione, il fratello di Sadegh Moradi ha detto ai giornalisti che la sua famiglia nell’'ultimo mese non è riuscita ad incontrare Sadegh. In attesa dalle 2:00 di stamattina davanti al carcere di Evin, ai familiari non è stato permesso neppure un ultimo incontro con il giovane.

Le sue ultime parole prima di essere impiccato sono state: “"Sono innocente”". Il 10 settembre un uomo è stato impiccato in pubblico nella città di Shahroud, nell'’Iran settentrionale, dopo essere stato riconosciuto colpevole di stupro e sodomia.
La notizia è stata resa nota dal sito della magistratura provinciale di Semnan, che identifica l’impiccato come "H. A", di 35 anni. L'’8 settembre 11 prigionieri sono stati impiccati a Teheran, nel carcere di Evin. La notizia è stata diffusa dal gruppo “Human rights and Democracy activists in Iran (HRDAI)”, secondo cui le impiccagioni sono state effettuate tutte alle prime ore del mattino.

Tuttavia non sono noti i reati per i quali gli 11 prigionieri sono stati condannati a morte. Della Repubblica Islamica vige il silenzio.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]