Giovedì, 23 Maggio 2013 21:11

La UE contro la qualità dell'olio. Uno schiaffo per l'Italia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - «La retromarcia della Commissione europea sulla norma che vieta l'uso di bottiglie senza etichetta e oliere anonime nei locali pubblici è una sconfitta per tutti i Paesi come il nostro che da sempre portano avanti una dura battaglia contro le frodi e gli inganni a tavola».

A sostenerlo è la Cia, Confederazione italiana agricoltori, secondo cui «stupisce ancora di più che questo passo indietro avvenga subito prima dell'approvazione definitiva prevista per giugno, in vista dell'entrata in vigore a partire dal primo gennaio 2014». Decisamente «una cattiva notizia per il 'made in Italy' agroalimentare e la tutela dei consumatori».

«Una bottiglia d'olio extravergine su sei in Italia - ricorda la Cia - finisce sui tavoli di trattorie, ristoranti e bar. Ed è necessario chiarirne l'origine, per garantire trasparenza ai cittadini e per tutelare i produttori da falsi e sofisticazioni che 'scippanò ogni anno al 'made in Italy' agroalimentare 1,1 miliardi di euro».
«Questa norma - spiega la Confederazione - doveva mettere fine alle oliere anonime spesso riempite chissà quante volte, magari spacciando per extravergine un prodotto di basso livello. In questo modo, si voleva garantire finalmente qualità, autenticità e origine dell'olio messo a disposizione del consumatore finale, ma anche proteggerne la salute. Oltre ovviamente a migliorare la sicurezza legata all'igiene del prodotto, grazie all'obbligo del tappo 'anti rabboccò. Ancora una volta dobbiamo constatare che l'Europa ha scelto di bocciare una norma appoggiata da ben 15 Paesi, tra cui i principali produttori come Italia e Spagna, premiando invece chi l'ha osteggiata fin dall'inizio come gli Stati del Nord, a partire da Germania, Olanda e Inghilterra».

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]