Sabato, 26 Marzo 2011 23:37

Immigrati. Nasce Yeabsera, "dono di Dio", sul barcone a Lampedusa

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

LAMPEDUSA (AG) - Yeabsera, che significa dono di Dio, è stato partorito sul barcone di profughi partiti dalla Libia dopo una traversata di tre giorni in mare nel Canale di Sicilia. Un'altra partoriente è stata soccorsa stasera sulla stessa barca e portata nell'isola in elicottero, come la sua compagna di viaggio. Bimbo e genitori - lei etiope di 26 anni, lui eritreo, due paesi in guerra da anni - sono arrivati a Lampedusa e poi trasportati all'ospedale Vincenzo Cervello di Palermo. Un ricovero prudenziale, visto che mamma e neonato stanno bene e sono stati accolti, oltre che dai sanitari, da un gruppo di donne lampedusane, arrivate con vestitini e biberon, a conferma della grande umanità della popolazione isolana, messa a dura prova da settimane di continui sbarchi che hanno portato nel piccolo scoglio delle Pelagie migliaia di migranti. È accaduto anche questo a Lampedusa, una specie di miracolo che ha il volto di Yeabsera, giunto al poliambulatorio dell'isola avvolto in una coperta, in braccio a un medico.

Dietro la madre, stremata e in barella, ma con la forza di sorridere quando ha guardato il viso del figlio, mentre alcune donne tentavano di dare una mano e chiedevano se fosse un maschio o una femmina, giusto per adueguare i corredini che avevano in borsa. La barca sulla quale è nato Yeabsera aveva lanciato un primo allarme con il satellitare, poi era sparita. Ma don Mosè Zerai, presidente dell'agenzia Habeshia, ha raccolto un altro Sos: «Fate presto, aiutateci. La situazione sulla barca è sempre più difficile. Una donna ha partorito e un'altra ha le doglie, mentre un bambino di venti giorni con la sua mamma sta male. Non possiamo resistere a lungo». Il drammatico appello proveniva da un giovane eritreo, Brahane, che si trovava sul barcone e ha detto di aver incrociato una nave della Nato, che si era limitata a fornire viveri. La richiesta d'aiuto è stata subito smistata alla Marina militare, che dalla nave Etna ha fatto decollare un elicottero, che ha tratto in salvo la donna e il bambino, dopo aver inviato per le prime cure un medico, accompagnato con un gommone fin sotto alla barca.

Last modified on Sabato, 26 Marzo 2011 23:41

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]