Giovedì, 13 Novembre 2014 13:52

Ricercatori contro le politiche dei tagli firmati Renzi e Madia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Domani i ricercatori si sono dati appuntamento  a Roma sotto Ministero della Funzione Pubblica  dalle ore 10.30 per protestare contro i tagli alla ricerca.

"Renzi e Madia vogliono chiudere la Ricerca Pubblica, ormai è evidente”, esordisce  Cristiano Fiorentini, dell'Esecutivo Nazionale dell’USB P.I. “Questo è un Governo che ha sposato le politiche antipolari e antidemocratiche della UE e smantella tutto ciò che è pubblico, compresa la Ricerca".

"Dopo la riforma annunciata, stiamo assistendo ad una riforma di fatto della Ricerca Pubblica. Renzi - precisa Fiorentini - sta completando il lavoro iniziato da Berlusconi, a partire dal vecchio progetto di Sacconi di eliminare l'ISFOL, ente che controlla e vigila sule politiche del lavoro. Ma ad oggi in sofferenza ci sono tantissimi enti, come CRA, ISS, ISPRA, ENEA, soprattutto a causa della spending review che è intervenuta pesantemente sui già insufficienti bilanci degli enti pubblici di ricerca".

"Da anni l’USB sostiene la necessità di una riforma degli EPR, che affronti i temi del precariato, della governance, dei finanziamenti e dell'ordinamento. Con un piccolo investimento si potrebbe ottenere un grande risultato – evidenzia il dirigente USB – ma Renzi ha altri obbiettivi,  come ridurre ad agenzia gli enti cosiddetti strumentali, che svolgono anche importanti compiti di controllo, e regalare ai padroni gli enti più dedicati all'innovazione tecnologica, come CNR, INFN o INGV”.

"L’operazione del Governo produrrà una perdita del posto di lavoro per migliaia di lavoratori precari e di competenze e professionalità per il Paese. Noi intendiamo opporci a tutto questo e, dopo lo sciopero generale del 24 ottobre, chiamiamo alla mobilitazione tutti i lavoratori del settore, precari o di ruolo, invitandoli a partecipare alla giornata nazionale di lotta di  domani, 14 novembre, buttando davanti al Ministero gli strumenti di lavoro, come provette, microscopi e computer, e prendendo in mano gli attrezzi della protesta per dare vita a un cacerolazo sotto le finestre del Ministro Madia, la quale tanta visibilità ottenne sfruttando le lotte dei precari della Ricerca”, conclude Fiorentini.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]