Martedì, 24 Febbraio 2015 19:39

Agricoltura. Emendamento biodistretti, diffusione cultura del biologico

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - "Promuovere e riconoscere i biodistretti al fine di diffondere la cultura del biologico e stabilire un modello di sviluppo sostenibile. È questo l'obiettivo dell'emendamento alla proposta di Legge regionale sulla filiera corta presentato questa mattina".

A renderlo noto sono i consiglieri regionali del Partito Democratico, Riccardo Valentini ed Enrico Panunzi. I biodistretti sono sistemi territoriali a vocazione agricola nei quali risulti significativa la coltivazione, l''allevamento, la trasformazione e la preparazione alimentare e industriale di prodotti con il metodo biologico; la tutela delle produzioni e delle metodologie colturali, d'allevamento e di trasformazione tipiche locali; l'elevata qualità ambientale del territorio.

"Gli obiettivi dell'emendamento - proseguono i consiglieri regionali del Partito Democratico, Riccardo Valentini ed Enrico Panunzi- sono: 1) perseguire uno sviluppo attento alla conservazione delle risorse naturali e locali, impiegando le stesse nei processi produttivi in modo da salvaguardare l’ambiente e l'intero ecosistema; 2) favorire la coesione e la partecipazione degli attori della filiera biologica di un ambito territoriale delimitato e omogeneo; 3) valorizzare e sostenere la produzione, il confezionamento, la commercializzazione, la distribuzione e la promozione dei prodotti biologici; 4) promuovere e sostenere le attività collegate all'agricoltura biologica, come la somministrazione di cibi biologici nella ristorazione pubblica e collettiva, la vendita diretta e il km zero, l'attività agrituristica e il turismo verde e rurale, le azioni finalizzate alla tutela, alla valorizzazione e alla conservazione della biodiversita'' agricola e naturale, del paesaggio e del patrimonio storico culturale; 4) l'agricoltura sociale nell'ottica sia dell'impiego delle risorse che operano nelle aziende agricole o zootecniche per promuovere azioni terapeutiche, di riabilitazione, di inclusione sociale e lavorativa, di ricreazione, di educazione, sia della tutela e della preservazione delle tradizioni colturali locali; 5) agevolare e semplificare l''applicazione delle norme di certificazione previste dal Regolamento e dalla normativa nazionale; 6) favorire i rapporti commerciali tra i soggetti della filiera”.

La Regione, concludono i consiglieri regionali del Partito Democratico, Riccardo Valentini ed Enrico Panunzi, "sulla base della richiesta formulata da un Comune o da più Comuni, così come da associazioni di produttori biologici oppure da comitati promotori appositamente costituiti da soggetti pubblici e privati, individuerà infine nell'ambito del proprio territorio amministrativo l''area omogenea dove riconoscere il biodistretto".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]