Mercoledì, 10 Giugno 2015 15:54

Incontro di civiltà: la zona grigia tra Islam e Occidente

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il professor Wael Farouq e Monica Maggioni -  direttore di Rai News 24 - rispondono alla domande degli studenti dell’Università La Sapienza sul  rapporto tra Islam e Occidente

Mercoledì 10 giungo alle 18 presso l’Aula I della Facoltà di Lettere e Filosofia, Monica Maggioni, direttore di Rai News 24 e autrice del recente saggio "Terrore Mediatico",  edito da Laterza, e il professor Wael Farouq, docente di Scienze Linguistiche e Lingue Straniere all'Università Cattolica del “Sacro Cuore” di Milano, interverranno in un dibattito pubblico e aperto a tutti.

L’incontro, organizzato dagli studenti dell’Università “La Sapienza” di Roma in collaborazione con il Centro Culturale Roma, metterà a tema un argomento che i recenti sviluppi del quadro internazionale hanno portato ancora una volta sotto i riflettori: quello del rapporto tra Islam e Occidente e di se e come possa avvenire un incontro reale tra due realtà che gli avvenimenti di oggi tendono a farci vedere sempre più distanti

Un'occasione importante per fare chiarezza in mezzo a tante notizie che si rincorrono, a volte incomplete e confuse.

“Se in ognuno di noi non c’è solo il cristiano o il musulmano, l’ideologicamente radicale o altro, ma c’è l’essere uomini, donne, amanti dell’arte o del cinema, interessati ai gatti o difensori dell’ambiente - scrive la Maggioni nel suo libro - ebbene, questa è la grande opportunità della zona grigia. Un luogo in cui, piuttosto che lasciarsi definire dal confronto tra identità monolitiche contrapposte, gli esseri umani si incrociano, insiemi e sottoinsiemi diversi e assai più complessi".

Non c'è un buon Islam e un cattivo Islam.- affermava Wael Farouq qualche tempo fa in un’intervista - Ci sono musulmani che hanno rinunciato all'uso della ragione e musulmani che usano la ragione. È semplice. Ho letto chi dice che la fonte di questa violenza sta in alcuni versetti del Corano. Questo non è vero. In Indonesia o in Malesia, dove ci sono 300 milioni di musulmani non succedono queste cose. Il problema è l'Islam come ideologia: l'islamismo”.

L’Università si propone come luogo privilegiato di approfondimento della realtà e di confronto tra culture diverse, rimettendo l’accento su quelle istanze che l’hanno fatta nascere e che caratterizzano la vera natura di questa istituzione.

Roma - mercoledì 10 giugno 2015 - ore 18  presso Università “La Sapienza”

Aula I Facoltà Lettere e Filosofia

bianco.png