The North Sea, in anteprima mondiale alla Festa di Roma, è un ipnotico disaster movie a sfondo ecologico di John Andreas Andersen. 

Si dice, e non a torto, che la serie dei film di Don Camillo (quattro o cinque fra sequel e imitazioni) abbia contribuito non poco all’affermazione della Democrazia Cristiana a danno del Partito Comunista nelle elezioni degli anni del mancato sorpasso.

 

Dal 21 ottobre 2021 al 17 febbraio 2022 prende il via nella rotonda di Palazzo delle Esposizioni di Roma il programma di incontri nella cornice del progetto espositivo Tre stazioni per Arte-Scienza

Tale e tanto è stato il successo che questo film ha riscosso, presso la critica più esigente e il pubblico più vasto, che ancora oggi, a quasi mezzo secolo di distanza dalla “prima” che riempì una delle principali sale cinematografiche romane dell’epoca, non c’è rete televisiva pubblica o privata che non si trattenga dal programmarlo, e non soltanto con la complicità dell’estate.

Charlotte Salomon (Berlino 1917 – Auchswitz 1943)  è stata una pittrice di origini ebraiche, vittima dell'Olocausto.  Da molti è considerata la prima graphic novelist della storia. Una delle artiste più originali e pionieristiche del ‘900. La sua opera “Vita? o Teatro?” - circa ottocento lavori che ripercorrono la sua biografia, composti dal 1941 al 1943 in Francia dove cercava di nascondersi dai nazisti, da lei poi affidati a un amico perché li portasse in salvo - hanno uno stile innovativo che potremmo paragonare alla graphic novel contemporanea in cui pittura, fumetto, cinema e teatro si fondono, trasmettendo una istintiva toccante drammaticità.

“Charlotte”  di Tahir Rana ed Eric Warina , film d’animazione presentato alla festa del Cinema di Roma, si propone di raccontare la biografia di quest’artista tedesca che, malgrado il periodo storico in cui visse, combatté strenuamente per affermare il proprio talento. E’ un film visivamente coinvolgente, le cui scelte grafiche  riecheggiano lo stile originale della pittrice,  illuminano le sue opere, caratterizzano i personaggi in maniera univoca. Scenografie, scelte cromatiche, offrono allo spettatore  un emozionante racconto, nel rispetto dei disegni che Charlotte Salomon ci ha consegnati.  E’ un film nel quale, anche oggi, la protagonista pare raffigurarci la sua esistenza. 

Le scene in cui le opere di Charlotte Salomon prendono vita, nascono da un rigoroso lavoro di documentazione sulle sue tecniche e dal consulto  della Charlotte Salomon Foundation. Non riguardano solo l'estetica ma anche la sostanza dei fatti, tengono conto di una Charlotte immaginifica,  che nel film dice come i suoi dipinti biografici siano memoria di "quello che è successo, o che magari non è successo ma che non per questo è meno vero". Il film d’animazione accenna alla morte del nonno di Charlotte Salomon: nel 2015, l’editore francese Le Tripode pubblicò una lettera di 35 pagine in cui la Salomon confessava di averlo avvelenato, ma nei fatti non si sa cosa sia vero e cosa no.

Tutto il lavoro di Charlotte Salomon si muove sul confine tra realtà e finzione. Di temperamento sensibile, segnata da una famiglia nella quale alcuni suoi consanguinei cercarono il suicidio, soffrì lei stessa di depressione. Fu l’amore per l’arte a salvarla e a permetterle di tirare avanti nonostante la tortura e la segregazione del periodo in cui si trovò a vivere. Purtroppo nell’ottobre del 1943, poco dopo essersi sposata ed incinta di sei mesi, fu catturata dalle SS e portava ad Auschwitz dove morì in una camera a gas, il giorno stesso del suo arrivo.

Genere:Drammatico

Anno:1981

Regia:Frans Weisz

Attori:Brigit DollDerek JacobiElisabeth TrissenaarBrigitte HorneyMax CroisetPeter CapellBuddy EliasLous HensenEric VaessenMaria Machado

Paese:Germania

Durata:95 min

Formato:NORMALE

Distribuzione:INDIPENDENTI REGIONALI (1987)

Sceneggiatura:Frans WeiszJudith Herzberg

Fotografia:Theo van de SandeJerzy Lipman

Montaggio:Clarissa Ambach

Musiche:Egisto Macchi

Produzione:FILMKUNST BERLIN, BBC LONDON, RAI

Altro caposaldo televisivo per le reti only-movie.  Grazie anche al lockdown da pandemia lo puoi rivedere spesso nelle serate fiacche.

Il film di Marcel Barrena racconta la nascita di Open Arms, l’Ong non governativa spagnola alla quale si deve il salvataggio dalla morte in mare di decine di migliaia d’immigrati. Barrena parte dagli inizi, quando non c’era ancora la famosa nave, per il regista conta la genesi umana di questa straordinaria iniziativa.

Un cast d’eccezione per un film che avrebbe meritato di più dalla critica e dal pubblico: Marlon Brando, Jane Fonda, Robert Redford, Angie Dickinson, Robert  Duvall.

Una collaborazione tra l’Istituto di nanotecnologia del Cnr e le Università della Calabria e di Saragozza ha mostrato che la piccola molecola di questo composto naturale inibisce la proteina 3CLpro del virus SARS-CoV-2, fondamentale per la sua replicazione. Lo studio pubblicato su Pharmaceuticals apre nuove prospettive, da approfondire con ulteriori ricerche

Pagina 1 di 1410

bianco.png