Visualizza articoli per tag: chiacchiere

Sabato, 28 Luglio 2012 11:30

Lo spread può scendere a suon di chiacchiere

Solo ieri il Presidente della Banca Centrale Europea aveva dichiarato che la BCE è pronta a fare qualsiasi cosa per preservare l'euro contribuendo ad un botto su Piazza Affari. Oggi, dopo varie voci poi smentite di un salvataggio per la Spasgna da 300 miliardi di euro, è arrivato l’aperto appoggio di Francia e Germania con una dichiarazione congiunta di Merkel e Hollande a difesa dell'integrita' dell'euro. A guastare tutto il comunicato del FMI che chiude la giornata.

Pubblicato in Italia
Etichettato sotto

TRIPOLI - Proseguono i bombardamenti Nato su Sirte, città natale del colonnello Gheddafi. Il ministro Frattini a radio 24 ha confermato la proroga della missione militare in Libia fino a fine settembre. “Ragioniamo in termini di pochissimi giorni se Sirte cadrà, come io mi auguro, per una resa pacifica entro qualche giorno, cioè entro sabato, sarà il pilastro definitivo della caduta del regime”, ha aggiunto.  E su disposizione del Capo della Farnesina è stata disposta anche la riapertura, dal prossimo primo settembre, dell’ambasciata italiana a Tripoli.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Il cerchio cpntinua a stringersi nella villa bunker del Colonnello Muammar Gheddafi, anche se di lui per ora non ci sono tracce.

Pubblicato in Primo piano

TRIPOLI - La fine di Gheddafi è "molto vicina" e "sarà catastrofica". E' quanto ha affermato il leader del Cnt di Bengasi, Mustafa Jalil, nel corso di una conferenza stampa. "Abbiamo contatti con persone dell'entourage del colonnello", ha dichiarato Jalil - "e tutto lascia intendere che la sua fine sia molto vicina". Le dichiarazioni di Jalil concordano con quanto trapelato nei giorni scorsi dalla Casa Bianca, che ritiene che il raìs "resisterà fino all'ultimo", nonostante anche i suoi più fedeli lo stiano abbandonando.

Pubblicato in Primo piano

AJDABIYA - La città libica di Ajdabiya è caduta stamani nelle mani degli insorti. Lo riferiscono giornalisti della France Presse sul posto. Le posizioni delle forze pro-Gheddafi alla porta est della città, colpite ieri dai bombardamenti aerei della coalizione, sono deserte. Non restano che delle carcasse di carri armati bruciati. La città, ormai calma, risuona dei clacson dei mezzi degli insorti, che fanno con le dita il segno «V» di vittoria. I governativi avevano ripreso Ajdabiya la settimana scorsa, nel corso della loro controffensiva. La città, 160 km a ovest di Bengasi, è la porta d'accesso alla capitale della rivolta. La sua riconquista da parte dei lealisti era stata giudicata da molti il prologo alla sconfitta definitiva degli insorti. L'avanzata dei governativi è stata però bloccata dall'intervento internazionale, iniziato il 19 marzo.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Dopo il delirante intervento di Muammar Gheddafi che  si autoproclama la voce del popolo libico, la situazione sta precipitando. Altro che il Libro Verde che teorizza una struttura piramidale alla cui sommità appare la figura di Qàid, il leader, che guarda caso ci riconduce al Colonnello stesso.

Pubblicato in Primo piano

TRIPOLI - "Le dittature non sono un problema se fanno il bene della gente".

Pubblicato in Primo piano

bianco.png