Visualizza articoli per tag: marocco

ROMA - L’esibizione di ieri di Jennifer Lopez al festival Mawazine di Rabat, ha sollevato parecchi malumori, specie quelli del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (Pjd, islamista), che attualmente governa il Paese.

Pubblicato in Musica
Etichettato sotto

ROMA - Un nuovo rapporto di Amnesty International denuncia l’uso di numerose tecniche di tortura da parte delle forze di sicurezza del Marocco per estorcere “confessioni” e ridurre al silenzio attivisti e dissidenti: dai pestaggi alle posizioni dolorose, dal soffocamento all’annegamento simulato, dalla violenza fisica a quella psicologica.

Pubblicato in Diritti Umani

ROMA - Francesca Schiavone si aggiudica in Marocco la finale del Grand Prix Sar La Princesse.

Pubblicato in Tennis

ROMA - Nel marzo 2012 Amina Filali, 16 anni, si uccise ingerendo veleno per topi. Era stata costretta a sposare l’uomo che l’aveva stuprata. Una storia tragica ma non rara in Marocco, a causa dell’articolo 475 del codice penale che consente a chi ha commesso uno stupro di evitare la condanna se sposera’ colei che ha stuprato.

Pubblicato in Diritti Umani

ROMA - Amnesty International ha denunciato oggi che, a due anni dalle manifestazioni del 20 febbraio 2011 che portarono in piazza migliaia di persone, la repressione delle proteste in Marocco e’ la routine. Decine di attivisti del Movimento 20 febbraio sono in prigione solo per aver espresso pacificamente le loro opinioni; alcuni di essi hanno denunciato di aver subito maltrattamenti e torture.

Pubblicato in Diritti Umani

ROMA - La Corte dei Conti ha preso inaspettatamente posizione a favore delle persone con disabilità e non autosufficienti,  in suo parere fornito alla Commissione Finanze della Camera, sul disegno di legge delega per la riforma fiscale e assistenziale, presentato nello scorso mese di luglio dal Governo.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - Che l’ottimismo sui conti pubblici italiani fosse ormai un atto di pura fede che trascende la dura, durissima realtà dei fatti lo sapevamo ormai un po’ tutti. Ad accendere i riflettori e riportare l’arida contabilità al centro dell’agone politico ci ha pensato la Corte dei Conti che stamane ha presentato il Rapporto 2011 sul coordinamento della finanza pubblica, rapporto che lancia un disperato grido d’allarme sul futuro che attende questo Paese, un futuro di costante emergenza cui il Governo prefersco sottrarsi negando tutto, anche la più semplice evidenza.

Pubblicato in Primo piano

bianco.png