Visualizza articoli per tag: omofobia

IL DIRITTO, VI CHIEDO, ALL’AMORE a cura di Cristian PalmiBeatrice Visibelli e Nicola Zavagli Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia 2020 

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto
Mercoledì, 17 Maggio 2017 13:26

Combattere l'omofobia

Oggi è la Giornata mondiale contro l'omofobia. Nonostante la presenza di numerose ong, in Italia i giovani (e anche i meno giovani) omosessuali sono soli.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto
Martedì, 17 Maggio 2016 10:39

Giornata mondiale anti omofobia. Basta pregiudizi

ROMA - Civita' e rispetto, contro ogni forma di discriminazione sessuale: e' la giornata mondiale contro l'omofobia che si celebra ogni anno dal 2007 il 17 maggio, per ricordare la rimozione dell'omosessualita' dalla lista Oms delle malattie mentali, avvenuta nel 1990. Arcigay ha stilato un report dal quale emergono 104 episodi di omotransfobia che si basa sul monitoraggio delle fonti giornalistiche tra il 17 maggio 2015 e oggi.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Sabato, 07 Novembre 2015 15:29

A Roma è allarme omofobia

ROMA  - "Oggi un uomo di 50 anni tedesco è stato sgozzato nella sua casa a San Lorenzo, forse da qualcuno che conosceva.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - La Ministra Giannini è intervenuta ieri sull'aspro dibattito rispetto alla fantomatica introduzione della Teoria Gender nelle scuole, attraverso la legge 107/15, annunciando l'invio di una circolare chiarificatrice in merito, sottolineando che chi sta portando avanti tale propaganda sta compiendo una truffa culturale e che se questa non verrà placata il Governo si muoverà per vie legali.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

GENOVA - Sei potenziali assassini girano a piede libero per Genova e dintorni, dopo aver aggredito a pugni e colpi di catena due giovani uomini, riducendone uno in fin di vita. Il fatto si verifica la notte di martedì 14 luglio, dove un uomo di 40 anni, dopo aver trascorso una serata nel centro storico sale insieme a un amico sull'1, in piazza Caricamento. Alle 3.49 invia un sms alla fidanzata, annunciandole di essere in procinto di salire sull'autobus per tornare a casa. Una volta a bordo del mezzo, l'uomo è apostrofato da una ragazza, che si trova in compagnia di quattro giovani uomini e un'altra donna: "Gay di merda, che cazzo guardi il mio fidanzato?". Sconcertato, l'uomo le risponde: "Niente, ero sovrappensiero". Il branco però non si accontenta di quella risposta e, sotto gli occhi dell'autista, che non interviene in alcun modo e non avverte neppure le autorità, i due amici vengono pestati con una furia cieca. I sei giovani omofobi infieriscono sulle loro vittime colpendoli al capo, sul volto, sugli arti, sulla schiena. Sotto choc, le vittime non sporgono denuncia, ma una settimana dopo, nella notte fra il 21 e il 22 luglio, il quarantenne si sente male. Le sue condizioni peggiorano e la fidanzata chiama un'ambulanza. All'ospedale Villa Scassi di Sampierdarena  lo sottopongono a Tac e riscontrano un ematoma cerebrale. Viene trasferito d'urgenza al Galliera e, in coma farmacologico, operato d'urgenza. Attualmente l'uomo è in condizioni gravi e non è ancora in grado di parlare. La prognosi è riservata. 

EveryOne Group, organizzazione internazionale per i diritti umani, lancia un appello alle autorità cittadine. "A Genova è avvenuto un crimine orrendo," commenta il co-presidente Roberto Malini, "la cui matrice omofoba lo rende ancora più odioso e inquietante. Siamo a fianco del giovane e della sua famiglia, preghiamo perché si riprenda al più presto e ci mettiamo a loro disposizione per affiancarli in qualsiasi azione civile mirata a ottenere giustizia. Alle istituzioni di Genova chiediamo di effettuare indagini approfondite, senza trascurare nulla, per identificare il branco di aguzzini". 

"Ci sono almeno due testimoni," prosegue Malini, "l'autista e la seconda vittima del pestaggio. Ma sicuramente, altri passanti, nonostante l'ora tarda, hanno visto il gruppo prima, durante e dopo il pestaggio. Inoltre, vi sono diverse videocamere di sorveglianza dislocate lungo tutti i possibili percorsi effettuati dai violenti. Rintracciarli è possibile, con un lavoro di indagine attento e metodico, a 360 gradi. Si parla di un branco che vive in Valpolcevera: è un primo indizio. Vi sono altri autisti dell'1 che potrebbero aver osservato il branco nelle sere precedenti al crimine. Genova ha mostrato in più occasioni di essere in grado di combattere la violenza e le forme estreme di intolleranza. Non deve arrendersi neanche adesso all'odio e alla brutalità. Lo deve alla vittima del pestaggio, che - anche se guarirà nel corpo, come tutti noi speriamo - resterà segnata per sempre dalla barbarie subita. Lo deve ai giovani, che hanno bisogno di crescere in un ambiente sicuro, civile e tollerante. Lo deve alla cittadinanza, che ha il diritto di salire su un mezzo pubblico senza tremare. E soprattutto lo deve a se stessa, perché lo spirito della città è uno spirito di libertà, tolleranza e pace che non accetta il terrore".

 

Pubblicato in Diritti Umani
Etichettato sotto

ROMA - Uno studente su 3 denuncia casi di discriminazione o bullismo nei confronti di alunni gay.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

LA VALLETTA (MALTA) - EveryOne Group e una giuria internazionale formata da difensori dei diritti umani assegnano ogni anno il Premio Eddie Hamel all'atleta o la società sportiva che abbia operato  per contribuire all'eliminazione dei pregiudizi tanto nel proprio ambiente quanto nella società: razzismo, xenofobia, omofobia. 

Pubblicato in Diritti Umani
Etichettato sotto

All’inizio non sapevo che immagine dare a questa mia ricerca. Poi, un giorno, in una galleria d’arte ho visto una fotografia di Zoe Leonard. Un tronco ingabbiato in una struttura di ferro. Un’immagine che, ai miei occhi, raccontava perfettamente l’adolescenza di chi lotta con il proprio orientamento. (Filippo Soldi)

Pubblicato in Festa cinema Roma

ROMA - Mercoledì 14 maggio, dalle 11 alle 13, si terrà al Teatro dell’Opera di Roma l’evento finale del progetto contro il bullismo omofobico [email protected] promosso nelle scuole superiori della Capitale dall’Assessorato alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità e realizzato in collaborazione con l’Università La Sapienza, la casa editrice ISBN e rappresentanti del mondo della cultura, del cinema e del teatro.

Pubblicato in Società
Pagina 1 di 2

bianco.png