Violenze confessionali, esercito Pakistan mobilita 10mila uomini

ISLAMABAD – Il Pakistan ha mobilitato 10mila soldati e altri 6mila uomini armati per prevenire ogni violenza confessionale durante il mese sacro del moharram.

Durante questo mese, i musulmani sciiti – il 20 per cento della popolazione pachistana di 200 milioni di abitanti – commemora il martirio dell’imam Hussein, nipote del profeta Maometto.Le processioni e le celebrazioni sono regolarmente contraddistinti da violenze confessionali, opera in particolare degli estremisti sunniti contro gli sciiti, violenze che sono aumentate negli ultimi anni.Scontri tra sciiti e sunniti hanno provocato undici morti negli ultimi due anni a Rawalpindi, alla porte di Islamabad.

Condividi sui social

Articoli correlati

Università

Poesia

Note fuori le righe