Visualizza articoli per tag: CARCERE

ROMA - L’Italia si mette a posto con l’Europa che più volte aveva sanzionato il nostro Paese per la legge sulla stampa che applicava la pena del carcere ai giornalisti per  e il reato di diffamazione a mezzo stampa, ma non si mette in linea con i principi e le regole della libertà di informazione vigenti nei Paesi più avanzati. Per togliere il carcere, il Senato ha introdotto una serie di “scambi” impropri, sotto la pressione soprattutto del centro destra che nella scorsa legislatura aveva più volte tentato di introdurre il bavaglio alla stampa.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - L’approvazione da parte del Senato del Ddl sulla diffamazione e' un fatto positivo. Particolarmente significativa e' la cancellazione del carcere come pena per la diffamazione a mezzo stampa. 'E' un fatto di civilta',  cancellare una norma illiberale, residuo del Codice Rocco, che limita fortemente la liberta' di stampa. E' un tema sul quale mi sono impegnato nella scorsa legislatura e in quella in corso, insieme ad altri colleghi, anche di altre forze politiche, non senza qualche incomprensione. 

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto
Lunedì, 13 Ottobre 2014 16:16

Carcere. 3X6. La piazzetta dei libri

Racconto fotografico sulla nuova biblioteca della casa circondariale di S. Spirito di Siena

Pubblicato in Il racconto fotografico
Etichettato sotto

ROMA - L'associazione Antigone diffonde sul proprio sito e presso gli istituti penitenziari un modello per ottenere un risarcimento o la riduzione di pena per chi ha subito un trattamento inumano e degradante, ai sensi dell'art.3 della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo, in quanto costretto a vivere in una cella con meno di 3 mq. di spazio.

Pubblicato in Diritti Umani
Etichettato sotto
Sabato, 26 Luglio 2014 10:06

Verità e giustizia per Giuseppe Uva

ROMA - Sono passati ormai sei anni da quel drammatico giorno di giugno del 2008 in cui Giuseppe Uva è passato da una passeggiata  con un amico a una caserma dei carabinieri e da lì a una caserma dei carabinieri e alla camera mortuaria di un ospedale, dopo un ricovero durato qualche ora. La procura della repubblica di Varese, interpellata  a suo tempo sul caso, aveva chiesto di archiviare il procedimento ma il giudice delle indagini preliminari Stefano Sala ha deciso di rinviare a giudizio i  sei  poliziotti e due  carabinieri coinvolti nella immotivata morte di Giuseppe Uva che -quella notte di sei anni fa- l’hanno torturato nella caserma in cui è stato condotto e sono imputati oggi di omicidio preterintenzionale, arresto illegale, abbandono di incapace  e abuso di metodi di contenimento.  Il giudice per le indagini preliminari a sua volta aveva respinto la richiesta di non luogo a procedere formulata dal procuratore  facente funzioni Felice Isnardi al termine  della fase istruttoria riaperta da Giuseppe Sala.

Pubblicato in Diritti Umani

FIRENZE - Quando si affronta la riconversione di un edificio pubblico, ammettendo per un attimo che non prenda il sopravvento la speculazione, ci si trova di fronte a un dilemma: come integrare la nuova destinazione  con il rispetto per  ciò che quell’edificio ha rappresentato per la comunità dove si trova.

Pubblicato in Arti visive

 

ROMA - Il Consiglio d'Europa valuta positivamente i miglioramenti della situazione nelle carceri italiane e rinvia al giugno 2015 un'ulteriore valutazione sull'attuazione delle misure decise dal governo per affrontare il problema del sovraffollamento. 

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - Non è una novità: le carceri italiane si confermano infatti le più sovraffollate d'Europa: a denunciarlo, ancora una volta, è il Consiglio d'Europa, l'organismo di Strasburgo che sovrintende alla difesa dei diritti umani e che ha pubblicato oggi il rapporto annuale sulle statistiche carcerarie riferito al 2012.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

BEIRUT -  Marcello Dell'Utri rimane in carcere. Oggi, infatti, l'ex senatore non è comparso davanti ai magistrati libanesi per l'udienza di convalida dell'arresto, perché tale udienza non è prevista dalla legge libanese. Così ha sentenziato il procuratore generale della Cassazione, Samir Hammud, sottolineando che Dell'Utri potrebbe rimanere detenuto "fino alla decisione sull'estradizione", chiesta dal governo italiano.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - Non al carcere per i giornalisti ritenuti responsabili di diffamazione, se non in «circostanze eccezionali».

Pubblicato in Società