Visualizza articoli per tag: dell'utri

BEIRUT -  Marcello Dell'Utri rimane in carcere. Oggi, infatti, l'ex senatore non è comparso davanti ai magistrati libanesi per l'udienza di convalida dell'arresto, perché tale udienza non è prevista dalla legge libanese. Così ha sentenziato il procuratore generale della Cassazione, Samir Hammud, sottolineando che Dell'Utri potrebbe rimanere detenuto "fino alla decisione sull'estradizione", chiesta dal governo italiano.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - A quattro giorni dall'udienza della Cassazione che martedì dovrà pronunciarsi sulla condanna per concorso in associazione mafiosa, l'ex senatore del Pdl Marcello Dell'Utri è ricercato. Come confermano fonti giudiziarie di Palermo. Un ordine di custodia è stato consegnato mercoledì mattina dalla Corte d'appello a un funzionario della Squadra mobile di Palermo, che ha trasmesso tutto a Milano.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

ROMA - E’ giallo sulla richiesta di grazia di Silvio Berlusconi, “Tutti e 5 i suoi figli, in modo compatto, hanno chiesto la grazia”, ha affermato Marcello dell’Utri davanti alle telecamere della trasmissione  “Virus” in onda su Raidue.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

Il Tribunale di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio per 67 persone in seno all’inchiesta sulla banca Credito Cooperativo Fiorentino, l'istituto di credito ormai disciolto e inglobato da ChiantiBanca, che era stato presieduto fino al 2010 da Denis Verdini, coordinatore nazionale del Pdl. La richiesta viene dai pubblici ministeri di Firenze Luca Turco e Giuseppina Mione, che ipotizzano i reati di bancarotta e truffa.

Pubblicato in Primo piano

PALERMO - Sette anni di reclusione. E' questa la pena richiesta dal procuratore generale Luigi Patronaggio per il senatore del Pdl Marcello Dell'Utri, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa. 

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

Le motivazioni depositate della sentenza della Corte di Cassazione con la quale gli ermellini hanno deciso di far celebrare nuovamente il processo di appello per Marcello Dell’Utri sono state una vera mazzata per i trombettieri berlusconiani, che avevano esultato il 19 marzo scorso. Una mazzata da cui difficilmente riusciranno a riprendersi.

Pubblicato in Fatti & Opinioni