Visualizza articoli per tag: guerra

Giovedì, 10 Luglio 2014 19:13

Israele-Palestina: una guerra senza fine

ROMA - Ci eravamo illusi, ci avevamo sperato, confidavamo che, dopo l’incontro organizzato da papa Francesco lo scorso 8 giugno in Vaticano, fra Abu Mazen e Shimon Peres si fosse giunti a un’intesa storica in direzione della pace.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Mercoledì, 09 Luglio 2014 13:13

Caccia made in Italy per i raid israeliani a Gaza

MESSINA - Mentre nella striscia di Gaza è in atto l’operazione militare “Bordo protettivo”, la più devastante degli ultimi due anni, la testata giornalistica Heyl Ha’Avir annuncia che nelle prossime ore due caccia addestratori avanzati M-346 “Master” di produzione italiana saranno consegnati alle forze armate israeliane.
Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - Incredibile, ma vero. Mentre lo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (Isil) sembra inarrestabile nella sua avanzata in Iraq, c`è qualche piccolo imprenditore che ha ben pensato di approfittarne, proponendo del merchandising dedicato al gruppo di estremisti.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

 

ROMA - A Palazzo Chigi la presentazione degli eventi per il centenario della Grande Guerra. Il 6 luglio prossimo alle ore 21 sarà eseguito il concerto di Redipuglia, con la ‘Messa da Requiem’ di Verdi che il maestro Riccardo Muti dedicherà a tutte le vittime del conflitto mondiale. L’iniziativa verrà presentata alle 16.30 a Palazzo Chigi.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Lunedì, 16 Giugno 2014 16:36

La tragedia irachena e gli errori della storia

ROMA - Ora, forse, di fronte alla tragedia cui stiamo assistendo in un Iraq sempre più martoriato dalla guerra civile strisciante fra sunniti e sciiti ma, soprattutto, dall’avanzata delle milizie estremiste dell’ISIL (Islamic State of Iraq and the Levant: Stato islamico dell’Iraq e del Levante), capeggiate da Abu Bakr al Baghdadi, ora forse  qualche tronfio cinico di casa nostra si fermerà a riflettere sull’insensatezza degli insulti e delle offese cui fummo sottoposti tutti noi che undici anni fa ci battemmo strenuamente contro una guerra, quella irachena per l’appunto, che era chiaro fin da allora che si sarebbe trasformata in una carneficina senza fine.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

 

 

ROMA - Sono passati settant’anni, eppure lo sbarco in Normandia rimane una delle imprese militari più celebri della storia. Il 6 giugno del 1944 le forze alleate davano il via al secondo fronte (insieme a quello italiano) per liberare l’Europa dal nazifascismo.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - Un video che mostra la vita normale e felice di una bambina, quindi il suo lento trasformarsi in un incubo, con l’arrivo improvviso e devastante, nella quotidianità  della piccola, della guerra, un dramma che “solo perché non accade qui, non vuole dire che non stia accadendo”: in poco più di 24 ore dalla sua pubblicazione, il video ha registrato quasi 3 milioni e mezzo di visualizzazioni su You tube. 

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - Per ora le armi tacciono, ma il colpo in canna è pronto ad esplodere in Crimea, la penisola sul Mar nero in cui si intrecciano interessi economici e strategici. Per ora il Mondo rimane con fiato sospeso e attende gli eventi nella speranza che la diplomazia s'incontri, discuta e riesca a scongiurare una guerra che inevitabilmente aggraverebbe l'equilibrio geopolitico su tutta l'area euro asiatica. Insomma la situazione è a dir poco drammatica. 

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

Tregua di una sola notte poi di nuovo sangue nelle strade di Kiev

KIEV - E' durata pochissimo la fragilissima tregua a Kiev. Appena una notte e poi di nuovo il caos totale, di nuovo morti nelle strade. Al momento sembrano essere 50 le persone uccise negli scontri, ma in realtà ci sono notizie anche di altre vittime.  Centinaia sono inoltre le persone ricoverate negli ospedali.

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto

 

MILANO - La nomina del Presidente la scorsa settimana sembrava aver avuto un effetto positivo sulla sicurezza, ma nel giro di pochi giorni il livello di violenza si è di nuovo alzato: scontri armati e saccheggi ormai sono quotidiani in tutti i quartieri.

Pubblicato in Diritti Umani
Etichettato sotto