Visualizza articoli per tag: n'drangheta

ROMA - Dando seguito alle mobilitazioni delle scorse giornate l’USB  parteciperà all’Assemblea Nazionale “Indipendenza e conflitto sociale”che si terrà a Roma domani 10 settembre , alle ore 09:30 presso il deposito ATAC occupato in via Alessandro Severo (fermata San Paolo Metro B).

Pubblicato in Lavoro

ROMA - Benedetto XVI ha parlato al dicastero per la Nuova evangelizzazione, nella sua prima assemblea plenaria, il pontefice ha posto agli astanti una riflesione, ed una questione interrogativa, su quale sia l’attuale situazione del cristianesimo nella società: “Viviamo una crisi che marginalizza il cristianesimo nelle esistenze delle persone. Anche chi desidera appartenere alla comunità cattolica viene plasmato da una visione comune distante dalla dottrina”. E aggiunge: “La fede è qualcosa di vivo e totalizzante, capace di assumere tutto ciò che di buono c’è nella modernità”.

Pubblicato in Società
Venerdì, 25 Marzo 2011 17:34

Libia. L'assenza di Israele nel conflitto libico

NOUAKCHOTT - Nel panorama della prima settimana di conflitto armato con il regime libico di Gheddafi è stranamente assente un attore importante del Medio Oriente: Israele.

Pubblicato in Primo piano
Domenica, 20 Marzo 2011 22:47

Guerra e pace, tra il dire e il fare…

ROMA - Carlo Von Clausewitz, soldato e teorico militare prussiano, vissuto tra il 1780 e il 1831, sosteneva che “La guerra rassomiglia al camaleonte perché cambia natura in ogni caso concreto”.

Pubblicato in Primo piano

ROMA - Muammar Gheddafi, sempre più isolato dalla comunità internazionale, sembra aver perso il lume della ragione, se mai ce ne ha avuta una.

 

Pubblicato in Primo piano

ROMA – Qualche settimana fa dichiarò, in uno dei suoi infiniti monologhi senza contraddittorio e senza domande, che “io non sono mai fuggito dai processi”. Infatti, ieri il suo ramo di azienda, il Pdl, ha chiesto ufficialmente al Presidente della Camera Gianfranco Fini di avviare il procedimento perché il Parlamento chieda alla Corte Costituzionale il conflitto di attribuzione, per fare in modo, appunto, che Berlusconi non sia processato dai giudici del tribunale di Milano per il caso Ruby. I direttori del ramo di azienda, Fabrizio Cicchitto, Marco Reguzzoni e Luciano Sardelli, infatti, hanno motivato la richiesta “all'Organismo parlamentare non può essere sottratta una propria autonoma valutazione sulla natura ministeriale o non ministeriale dei reati oggetto di indagine giudiziaria. Né tantomeno ove non condivida la conclusione negativa espressa dal Tribunale dei ministri - la possibilità di sollevare conflitto d'attribuzioni davanti alla Corte costituzionale - assumendo di essere stata menomata per effetto della decisione giudiziaria, della potestà riconosciutale dall'Articolo 96 della Costituzione”.

Pubblicato in Primo piano