Mercoledì, 07 Settembre 2016 08:33

Venezia 73. “Assalto al cielo”, documentario vivo sugli anni ’70

Scritto da

LIDO DI VENEZIA (nostro inviato) - Dopo ‘Anime nere’ Francesco Munzi è tornato al Lido con Assalto al Cielo: film che attraverso un’immersione in alcuni dei più importanti archivi d’Italia - Luce, Teche Rai, Archivio del Movimento operaio, Cineteca di Bologna -  racconta la parabola di quei ragazzi che animarono le lotte politiche extraparlamentari negli anni compresi tra il 1967 e il 1977 e che tra slanci e sogni, ma anche violenze e delitti, inseguirono l’idea della rivoluzione, tentando  una sorta di simbolico  “Assalto al Cielo”.  

Quella di Munzi è una scelta di immagini, energie, discorsi, di un tempo eccezionale e complesso della nostra storia, sul quale si sa ancora molto poco. La sensibilità del regista ha saputo cogliere, di un periodo torbido e insieme vivacissimo, gli aspetti meno noti e più veri, tra questi la vacuità verbosa e allucinata di una gioventù che credeva di essere rivoluzionaria chiedendo l’impossibile. Riascoltiamo divertiti le assemblee studentesche, gli slogan della rivolta modaiola, se non fosse che alcune frange scivolarono verso una deriva violenta. Nel documentario un raro filmato dei genitori di Walter Alasia, brigatista rosso ucciso nel 1976, a vent’anni, dopo aver assassinato due poliziotti in uno scontro a fuoco. Sullo schermo l’incredulità del padre di Walter, il quale pensava le BR come un’invenzione di ragione oscura.

Il documentario è a tratti commovente. Diviso in tre movimenti come una partitura musicale, esprime il sentimento con il quale oggi guardiamo agli anni ‘70:  misto di dolore, incredulità ed esaltazione. Paradossalmente il film a intervalli avvisa di poter esser sospeso per favorire il dibattito. Si sente nelle scelte del materiale di montaggio l’impronta personale del suo autore, insieme alla ricerca dell’obiettività storica e aperta all’approfondimento.. 

  • DATA USCITA: N.D.
  • GENERE: Documentario
  • ANNO: 2016
  • REGIA: Francesco Munzi
  • MONTAGGIO: Giuseppe Trepiccione
  • PRODUZIONE: Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con Rai Cinema
  • DISTRIBUZIONE: Istituto Luce Cinecittà
  • PAESE: Italia
  • DURATA: 72 Min
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

bianco.png