Print this page
Sabato, 20 Ottobre 2018 14:49

I fiori di J.S. Bach

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a “tocar le corde”, arricchite da un germogliare di note rampicanti, avvolgenti antiche melodie in una selva d’amene e indovinate rapsodie. Dal finale spesso ingannevole, ritardato ad arte, creano effetti magici di “dorico” stupore e, di mutazione in mutazione, somigliano a ghirlande in fiore.

Ton Koopman racconta la sua passacaglia insegnandoci un lontano corteo, che avanza per strade scoscese fiero della propria partecipazione. Il materiale sonoro si addensa, il contrappunto s’infittisce e nel finale il reiterarsi di forti tensioni prepara un tesoro di elaborazione fugata che rivela l’ostinato usato da Raison nel suo Première livre d’orgue. L’organo è uno strumento ad arco felicemente riprodotto alle tastiere. Il fraseggio è chiaro sin dall’esposizione dei temi in certe fughe. Quelle in Re min BWV 565 e La min BWV 534 rivelano un indovinato colpo d’arco “violinistico”, inducendo taluni a ripensare la destinazione originale del brano. Nel disco troviamo anche una sonata in trio, ultima di un gruppo di sei composte per il figlio Wilhelm Friedemann. Il terzo movimento della stessa è un capolavoro d’armonia e invenzione; progressioni e imitazioni sfidano gli equilibri delle parti mettendo a dura prova l’abilità dell’organista, che s’accompagna solo in un concerto quasi “italiano” di manuali e pedale.

Bach riletto da Koopman è un personaggio virtuoso, forse troppo romantico in un eccesso di effetti spesso non richiesti. La scrittura bachiana è già densa di artifici e viene il dubbio di essere sottoposti a una revisione troppo fuori le righe, specialmente nei movimenti lenti, vero tallone d’Achille dell’organista olandese.

Paolo De Matthaeis

Correlati

Ultime da Paolo De Matthaeis

Related items