Venerdì, 07 Agosto 2020 12:56

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Scritto da

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al paese. Davanti solo il mare. Chissà a cosa sta pensando mentre passo di lì diretto al faro col costume rosso e la borsa da spiaggia. Il solito turista che viene a farsi la foto, sicuramente. 

-“Che bel panorama signora!”

-“Il mare è bello, d’estate è bello, ma d’inverno…” mi risponde mentre continua a guardare il mare laggiù, verso un punto indefinito.

Mi fermo, il faro non mi interessa più. Io ho la pelle abbronzata dal sole della spiaggia, lei dal sole della terra; io la crema sul viso, lei una pelle dura e solcata da rughe come un campo coltivato; le sue mani hanno lavorato nell’orto, le mie (forse) sulla carta. Siamo due mondi distanti eppure così vicini davanti al mare.

-“E d’inverno cosa succede?”

-“D’inverno le giornate sono lunghe, il tempo non passa mai, e piove sempre. Giorni su giorni senza mai smettere”.

433333333.jpg

Gioconda guarda il mare e risponde alle mie domande, prima con una parola, poi con una frase, poi le frasi crescono, le parole vengono fuori come le onde, una dopo l’altra. Gioconda ha la riservatezza dei contadini e l’apertura degli uomini di mare. Terra e acqua insieme, mescolate. 

-“Chi vive d’estate, si scorda l’inverno” dice accennando un timido sorriso. E già, l’estate è il tempo per coltivare, il tempo del raccolto, tempo di provviste per l’inverno così lungo e piovoso, come insegna la formica alla cicala.

-“Ma lei il mare piace?”

-“Noi siamo contadini, lavoriamo la terra e non andiamo mica in villeggiatura” dice Gioconda. Il mare sta lì, lei lo guarda e le piace d’estate, è una presenza importante il mare, ma è la terra di quest’isola, la terra di Procida la sua vita. 

Stanotte ha piovuto parecchio, le faccio notare in un momento di silenzio per non perdere il filo del discorso. Un peccato per chi, come me, vuole godersi la vacanza al mare, una benedizione per lei, per la sua terra. “Ѐ da tanto tempo che non pioveva e se non piove come facciamo ad annaffiare l’orto? Si secca tutto. Allora dobbiamo usare l’acqua potabile, ma c’è troppo cloro e con quell’acqua lì la terra si asciuga subito. Serve l’acqua del cielo, l’acqua del rubinetto serve ai forestieri, sennò poi, quando tornano dal mare come si fanno la doccia? E questo noi di Procida dobbiamo farcelo entrare nella testa”

Terra e mare è Gioconda, radici forti e profonde di terra e orizzonti aperti e distesi di mare. I tempi sono cambiati, Gioconda sa che quest’isola non vive più solo di pesca e agricoltura. Ora c’è il turismo a farla da padrone, arrivano i villeggianti, quelli come me che d’estate devono farsi la doccia e un selfie vicino al faro, sulla via di casa sua. 

Gioconda non è mai stata al mare a prendere il sole o farsi il bagno, a prendere i ricci sugli scogli quello sì. E non con i guanti, che quelli non c’erano mica. Un paio di forbici e un cucchiaio per mangiarli bastavano.

-“E di che sapore sanno i ricci di mare?” 

-“Sanno di mare”.

Gioconda sa di che sapore sa il mare, il suo rumore è una voce che le fa compagnia da sempre, di giorno e di notte, d’estate e d’inverno. Da come parla il mare capisce che giorno sarà domani.

-“E d’inverno il mare come fa?”

-“Uh, d’inverno come urla!”.

Gioconda guarda il mare, è lì che è sempre stato, è lì che è sempre stata. 

Gioconda, sul sentiero per il faro.

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Buonanotte Mondo

Allontanare i pensieri 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Quarantotto giorni: è questo l’arco temporale che è passato dalla fine della scorsa stagione e l’inizio della prossima, ormai praticamente alle porte.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]