Martedì, 31 Maggio 2022 09:33

Salvatore Cafiero, co-autore di “Phoenix”- il potere immenso della musica” racconta la genesi del suo libro

Scritto da
Vota questo articolo
(9 Voti)
Foto Federica Girardi Foto Federica Girardi

Aspetto duro, da artista rock, ma con uno sguardo che tradisce gentilezza ed umiltà. È così Salvatore Cafiero, chitarrista di fama internazionale, appena reduce da un tour con Raf, che incontriamo alla presentazione romana del suo primo libro: “Phoenix – Il potere immenso della musica”, scritto a quattro mani con la scrittrice Lisa Di Giovanni.

IMG_9863.jpg

Come mai la scelta del titolo “Phoenix”( dal latino, fenice)?

Perché la storia che abbiamo raccontato si riferisce a un periodo buio della mia vita, in cui credevo di morire e per me si è trattato davvero di una rinascita. Bisogna prendere spunto dalla fenice e tornare sempre a vivere.

Per quanti anni hai combattuto con la sofferenza fisica?

Sono stato male a lungo, sin dalla tenera età. Erano anni in cui la celiachia non si conosceva e si attribuiva il mio malessere anche ad una causa psicologica, non riuscendo più a mangiare. Sebbene fossi molto giovane, mi ha causato strascichi durati fino ai 30 anni: persino oggi ho ancora ripercussioni, soprattutto a livello psichico.

Nel libro, infatti, si parla apertamente dei disturbi d'ansia. Avresti un consiglio per  affrontarla?

L'ansia non va combattuta, ma va accettata, sopratutto, quando si è in balia di eventi spiacevoli. Capita di subirla, altrimenti saremmo tutti automi senza emozioni: si riesce anche a superarla, con l'accettazione e la consapevolezza.

Com'è stato scrivere in sodalizio con l'autrice Lisa Di Giovanni?

Lei è stata una guida e un supporto a 360°. Non solo, ha corretto il materiale, ma ha ordinato e finalizzato i miei pensieri, con esperienza e professionalità.

Come hai raggiunto il successo?

Ogni traguardo professionale è stato frutto di un processo lungo e faticoso, così come è stato per ogni aspetto della mia vita. Mi sono dovuto conquistare tutto col sacrificio. Non mi sento ancora “arrivato”, ma sono sempre pronto a rimettermi in gioco, anche se guardandomi alle spalle, sono soddisfatto del mio percorso.

Hai in previsione altro?

Sto lavorando alla mia musica indipendente e a collaborazioni con artisti salentini. A metà giugno, partirò in tour con Gianluca Grignani e inoltre, ho in progetto di dedicarmi alla promozione del libro in giro per l'Italia.

Che consiglio offriresti a chi affronta una malattia e a chi si avvia a una carriera musicale?

In entrambi i casi: bisogna avere pazienza. Per quanto riguarda la salute, non esiste un farmaco miracoloso, ma percorsi riabilitativi che richiedono anni, calma e determinazione. E questo vale, anche, per l'ambito lavorativo in campo musicale.

Hai dedicato il libro a tua mamma Gilda. Quanto è stato importante il suo supporto?

Fondamentale. É stata l'unica persona che mi credeva quando stavo male e mi accompagnava nel mio percorso di recupero fisico e mentale. Senza mia madre, non sarei riuscito a trovare la luce.

Nel libro, ricorre spesso il tema dell'autostima. Quant'è importante per te?

Moltissimo. Come diceva il campione Kobe Bryant: “Se non credi in te, chi lo farà”?

Ultima modifica il Martedì, 31 Maggio 2022 09:48

bianco.png