Domenica, 04 Settembre 2011 11:22

Venezia 68. Alla mostra con Cinemavvenire e i panini alla Tom Hanks

Scritto da

LIDO DI VENEZIA (dal nostro inviato) -  Cinemavvenire  fu fondata alla mostra del cinema di Venezia nel 1992  da Gillo Pontecorvo,  Massimo Calanca e  Giuliana Montesanto come iniziativa culturale e poi, nel 1997, come associazione, con Pontecorvo presidente. Oggi il presidente è divenuto Massimo Calanca, il direttore è Paolo Patarca, Giuliana Montesanto è direttrice artistica. Sergio di Lino direttore editoriale. E tanti altri responsabili a cui  deve la vita l’  esperimento creativo: Valentina Renzopaoli, Guido Massimo Calanca, Carmen Rossi, Laura Neri, Sara Cerri.




Cinemavvenire ha sede a Roma, a San Lorenzo, nel quartiere studentesco della capitale che, alcuni dicono, ricorda il village di New York City, malgrado la cronaca ultimamente narri qualche  invasione “barbarica”.   La ragione per cui l’associazione venne fondata fu quella di permettere ai giovani amanti del cinema di partecipare ai Festival: motivazione encomiabile visto che, ad esempio a Venezia, i costi sono talmente alti che questa esperienza diventa appannaggio non degli appassionati ma dei ricchi o dei professionalmente inseriti.  Via via Cinemavvenire ha sviluppato altre attività:  educazione al linguaggio e alla cultura cinematografica – l’associazione ha partecipato alla realizzazione del piano nazionale del Ministero dell’Istruzione per la didattica del linguaggio cinematografico e audiovisivo nelle scuole – ha realizzato corsi, seminari, rassegne, festival, progetti culturali, cortometraggi, documentari e film.


L’esperienza di trovarsi con Cinemavvenire a Venezia rimane  rara occasione di fare vita di festival, nei panni degli addetti ai lavori, imparare il mestiere e divertirsi.  Anche quest'anno l’offerta di Cinemavvenire dal 29 Agosto (due giorni prima della Mostra) all'11 Settembre (il giorno dopo la conclusione) assume il carattere particolare di stage di formazione e di aggiornamento, che prevede il riconoscimento di crediti formativi validi per varie università e per la formazione in Art-Counseling presso le scuole di Counseling. Il tema su cui è articolata la prima parte dello stage è "Cinema e Arti Visive".   


I locali nei quali vengono ospitati gli stagisti, coordinati dal direttore Paolo Patarca, sono nell’antico istituto nautico Sebastiano Venier, a due passi dal molo di “Giardini” che collega con il Lido attraverso una sola fermata.  L’istituto nautico, un tempo convento di clausura, è una suggestiva costruzione al cui centro sta un chiostro. Ha camere spartane, pulite, ariose e – chi vuole – può anche mangiare con pochi spiccioli. Gli studenti di Cinemavvenire in questo momento stanno girando un documentario sul Lido e hanno individuato un personaggio singolare, un uomo che ha una bancarella di sandwich, ciascuno ispirato a una star del cinema. Lo sapevate che esistono qui i panini alla Tom Hanks? Non vogliamo svelarvi la ricetta anche perché ad essa molto concorre l’atmosfera del lido.

I ragazzi di Cinemavvenire trascorrono giornate intense, si alzano presto e vanno a letto tardi: stage, visioni di film,  recensioni, fino a un vero e proprio premio che sarà assegnato l’ultimo giorno della mostra. Un premio che non è da poco perché è un’indicazione per il futuro: non si trovano qui le nuove leve del “cinema  a venire” ?

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

L'importanza dell'anima

Ho provato a immaginare l’anima

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Quarantotto giorni: è questo l’arco temporale che è passato dalla fine della scorsa stagione e l’inizio della prossima, ormai praticamente alle porte.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]