Lunedì, 05 Settembre 2011 20:30

Venezia 68. “Questa storia qua” è quella di un uomo. La recensione. Il trailer

Scritto da

LIDO DI VENEZIA (dal nostro inviato) -  “Questa storia qua” è il  film documentario,  fuori concorso,  sulla vita di Vasco Rossi diretto da Alessandro Paris e Sibylle Righetti.   I materiali sono inediti e Vasco si racconta con accento di semplicità sincera.  Seguendola con attenzione,  “Questa storia qua” è quella di un uomo, con le sue debolezze e il suo talento, non di una rock-star, questo il vero pregio dell’opera.



All’inizio, Vasco confessa di aver preso ogni sorta di medicine per poter salire sul palcoscenico. Una frase lampo, come fosse sfuggita, eppure a bloccare la moviola su queste parole ci sono dentro tante cose: c’è tutta la tensione, lo sforzo, che deve aver fatto questo ragazzo di “Zocca”, come lui stesso si definisce, per poter affrontare, giorno dopo giorno, la folla, i fan, la gente e il suo giudizio. La popolarità costa e ha i suoi lati negativi, lui stesso lo asserisce, tanto che definisce un “lusso” il poter girare per le strade di Los Angeles (dove ha una casa) come un perfetto sconosciuto, lontano cioè da ogni tensione. Giulio Santagata, ex ministro del governo Prodi e amico di infanzia di Vasco Rossi, si dice certo che Blasco sia diventato una rockstar perché era un insicuro e aveva bisogno di far qualcosa che lo aiutasse a credere in se stesso.

Istintivo, fragile, genuino, questo appare Blasco:   persona che non ha  vergogna delle sue origini, rimarca anzi con orgoglio di essere di “Zocca” perché in quell’ombelico di mondo gli è stato dato tanto. Ragazzo che deve aver amato e temuto il giudizio del padre – se non si fosse messo a cantare sarebbe divenuto un camionista come lui, confida –  che quando suo padre se n’è andato non ha più avuto la stessa spensieratezza. Sensibile agli affetti: racconta di aver ripreso nel gruppo Massimo Riva, il suo chitarrista di maggior  talento, che lo aveva abbandonato perché in competizione con lui. Con meraviglia dei più, Blasco  lo ha riaccettato perché gli mancava. Massimo Riva è morto nel 1999 per overdose di eroina.


Il documentario testimonia la poesia di un provinciale e del suo paese. Bello da far girar la testa, baciato dalla fortuna del talento, cresciuto in un’epoca apparentemente felice “al tempo della rivoluzione sessuale quando non c’era voglia di far altro”, al tempo in cui “c’era il divorzio, quando tutti si erano sposati con le compagne di scuola” con  relativi guai. Con un primo amore femminista, che sembrava volergli far scontare tre millenni di errori  maschili. Ragazzo semplice, prototipo di altri che oggi esistono ancora, a Zocca e in paesi simili. Uno come tanti che ha avuto la capacità di cantare la sua fatica di uomo: forse per questo Vasco Rossi piace ai più.


Questa storia qua

•    Regia: Alessandro Paris, Sibylle Righetti
•    Distributori: Lucky Red
•    Genere: documentario
•    Data di uscita: 07-09- 2011



Questa storia qua – trailer ufficiale

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

L'importanza dell'anima

Ho provato a immaginare l’anima

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Serie A: si riparte tra tamponi, contagi e la massima imprevedibilità

Quarantotto giorni: è questo l’arco temporale che è passato dalla fine della scorsa stagione e l’inizio della prossima, ormai praticamente alle porte.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]