Mercoledì, 09 Maggio 2012 15:47

Fotografia. Cristina Larocca. Gente dell’Est / Eastern people

Scritto da

ROMA - Gente dell’Est e’ il progetto realizzato da Cristina Larocca alla fine della residenza di un mese in Bulgaria per un progetto di mobilità europea.

Il lavoro fotografico e pittorico nasce dall’esperienza  quotidiana,  la frequentazione dei quartieri, la curiosità per le abitudini, le tradizioni e l’incontro con  persone vere e non omologata a mode o consumi. Si aggiungono spazi e strutture in degrado che compongono il paesaggio insieme all’elemento umano dotato di grande ricchezza interiore, forza e  valori che altri paesi hanno perso o scambiamo con l’esteriorità. L’apparenza inganna, l’aspetto scarno dell’orizzonte visivo si unisce all’abbondanza di attenzioni solidali, buonumore nel vivere una vita che in molti casi non da molto, ma arricchisce i loro rapporti, le loro strette di mano, i loro occhi che ti guardano dentro, carichi di dignita’ e consapevolezza. Si percepisce tanta vita vissuta a pieno con sacrificio ma in felicita’, si incontra gente che ti parla pur parlando la loro lingua e senza capire la tua, sembra che arricchiscano la propria vita tramite la relazione con il resto del mondo. Un paese che conosce il significato di accoglienza, non come mera formalità ma come vera conoscenza,  un paese con una forte identità che sta rinascendo dopo un azzeramento.
E’ evidenze la sensazione della rinascita da un cumulo di macerie dalle quali si raccoglie quello che di buono e’ rimasto per custodirlo e mescolarlo con il nuovo aprendosi alle altre culture e mantenendo salda la loro. La Bulgaria appare un paese poco considerato da cui c’è molto da imparare forse perchè ricorda gli anni ’70 e forse perchè spinge a riflettere su  quanto  altri paesi abbiamo freneticamente divorato il tempo e adesso si ritrovano senza piu’ direzione.

“Se da un lato la mia fotografia ha documentato una parte di quel paese che ho avuto la fortuna di conoscere  e alle immagini dall’altro nei dipinti appaiono persone in totale allarme che si nascondono, che ti guardano dritto o si proteggono da quell’accumulo di merda che gli sta per cadere addosso o che respirano attraverso una mascherina per non intossicarsi di tristezza: i lavori sono monocromi perche’ in realta’ queste possono essere popoli di tutto il mondo e perchè ovunque ci troviamo c’è sempre un est e dato che anche io vivo nell’est del mio paese e della mia regione anche io faccio parte di quella gente che chiamano “gente dell’est”.


CONTEMPO 2012
contempo - contemporary art festival is a noncommercial platform to encourage, promot? and present the production of young authors up to 35 years old. the event is settled to present a dynamic version of creative searches and trends in the younger generation of art, to promote their work and provide a stage for the realization of their artistic provocations. in contempo except for traditional art spaces are absorbed unconventional spaces as well, being promoted to a new culture and aesthetics, close to the interests and attitudes of young people in urban environments. since its first edition in 2009 the festival was attended by nearly 12,000 people. in past editions were pr??????? more of 80 emerging artists from bulgaria, canada, germany, portugal, france, italy, belgium, russia, tuurkey, poland etc.
contempo was created following the idea of the artist raya georgieva (1978 -2009) and implemented by raya georgieva foundation with the partnership and support of many formal and informal organizations, the main of which are international association for cultural management "sea blue" , radio varna , graffit gallery, bulart gallery, yuka gallery, arhis gallery, harmony gallery, eva`s gallery, gallery ossem, tereza art gallery, temporary space, stalker studio, music café look, yo ho hostel, artin vision, horizont comlex, creative crew agency, sofia city art gallery, journalists and cultural activists. the panel "collecting” in contempo 2012 is realized with the partnership and support of the knoll gallery , vienna. contempo 2012 is curated by dora doncheva- bulart.
media partners: radio varna, rtvc - varna, tv cherno more, newspaper “narodno delo”, newspaper "cherno more”, formalno.com, why42.com, artnews bulletin, art novini, moreto.net.
sponsors of contempo 2012: raya georgieva foundation; departure - creative agency of the city of Vienna ( for collectors` panel); co-partners and sponsors for “mus.tempo” project are graffit gallery, mtel , sofia city art gallery; co-partner and sponsors for “hello world” project is national art academy and national fund culture. accommodation partners are horizont complex, yo ho hostel and citius hotel.
special thank`s to volunteers team managed by creative crew agency and logistic support by plamen georgiev,maya georgieva and margarita zheleva.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

La nuova alba

Interrogarsi… svegliarsi in questo permutare di eventi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]