Sabato, 06 Dicembre 2014 14:37

Virtuoso della chitarra, genio della pittura: l'artista Rom Serge Poliakoff

Scritto da

MILANO -  Serge Poliakoff nacque a Mosca nel 1900, in una famiglia Rom appartenente alla borghesia russa. Il padre era un allevatore di cavalli, la madre una proprietaria terriera. Ultimo di quattordici fratelli, Serge crebbe in un lussuoso quartiere di Mosca. Versati nella musica, Serge e alcuni dei suoi fratelli facevano parte del celebre coro zigano diretto dallo zio Egor Alexeïevitch.

Nel 1918, in seguito alla rivoluzione bolscevica, Serge lasciò Mosca per ricongiungersi al fratello Valodia, nel sud della Russia, quindi emigrò a Costantinopoli, nei Balcani, a Vienna, Berlino e nel 1922 a Parigi. Come molti altri Rom in esilio, mise a frutto il talento musicale per sostenersi, suonando la balalaika nei cabaret russi della capitale. La sua passione, però, restava la pittura. Nel 1931 partecipò a una collettiva presso la Galleria Drouant e nel 1935 frequentò per due anni, a Londra, la Slade School of Art. Tornato a Parigi, conobbe Kandinsky, Robert Delaunay e Otto Freundlich. Nel 1938 Poliakoff tenne una personale presso la galleria Le Niveau ed espose al salone degli Indipendenti. Negli anni dell'occupazione, Poliakoff dovette vivere in clandestinità per sottrarsi alla persecuzione razziale. Nel 1942 nacque suo figlio Alexis. La sua fama cresceva. I giovani pittori lo consideravano un maestro quasi leggendario. Nel 1947 ottenne il Premio Kandinsky. Dal 1952 le sue opere pittoriche e grafiche vennero accolte da gallerie in Francia e all'estero. Un contratto con la galleria Bing gli concesse di interrompere il lavoro di chitarrista per dedicarsi solo alla pittura. Il crescente successo lo portò ad esporre alla galleria Circle & Square di Jean Larcade, a New York. Nel 1953 una retrospettiva al Palais de Beaux Arts di Bruxelles celebrò il suo lavoro di pittore e incisore. Nel 1962 Poliakoff ottenne la cittadinanza francese; lo stesso anno la Biennale di Venezia dedicò un'intera sala alla sua produzione. Nel 1966 Poliakoff ricevette il Premio della Biennale di Mentone. Durante tutta la sua carriera, il pittore frequentò la comunità Rom, traendo ispirazione dalle sue tradizioni e dal suo amore per l'arte. Morì a Parigi, a causa di una crisi cardiaca, nel 1969.

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Il mondo muore

Un freddo è sceso nel mio cuore l’ansia mi stringe la gola acuti spigoli feriscono l’anima.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]