Lunedì, 17 Maggio 2021 10:50

Roma. Galleria d’Arte Moderna. “La rivoluzione degli eucalipti” di Nina Maroccolo fino al 29 agosto

Scritto da

ROMA - La poliedrica artista Nina Maroccolo è nata a Massa nel 1966, ha studiato Decorazione pittorica e fotografia d’arte all’Accademia di Belle Arti di Firenze; ha lavorato nell’ambito del Restauro su Carta a Palazzo Spinelli. 

È stata mezzo soprano nel coro a otto voci della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, per la direzione del M° Don Luigi Sessa. Ha fatto parte dell’etichetta discografica indipendente CPI, della City Lights Italia, consorella europea della storica City Lights fondata da Ferlinghetti a San Francisco. Membro fondatore del gruppo artistico - sperimentale ATEM, dieci anni fra parola, musica e performances dal vivo. Vive e lavora a Roma dal 2004. Artista in continua esplorazione è scrittrice, performer teatrale e cinematografica.

La Maroccolo ha realizzata nell’ambito delle iniziative per l’Earth Day 2021, celebrazione che cade nel globo il 22 aprile, una mostra dal titoloLa rivoluzione degli eucalipti”, ospitata a Roma alla Galleria d’arte moderna  fino al 29 agosto 2021. Nelle sale espositive troviamo immagini e installazioni in teca che sono miniature legate alla creazione di una nuova alchimia della materia: ricerca di un’inedita essenza dello spirito, della visione e del concetto di origine. Nina Maroccolo, durante una conferenza stampa di presentazione, ha spiegato che i risultati di colori, luce, ombre, sfumature e giochi pittorici, sono ottenuti con la sedimentazione naturale dell’eucalipto. Nel catalogo de “La rivoluzione degli eucalipti” Nina Maroccolo scrive: “Questo è un racconto. La narrativa della natura. E incontra nell’Eucalipto la sua espressione più alta. Esiste l’andare. (…) Io guardo al coraggio di chi s’incammina verso gli abissi incolti fluttuando tra segni e profezie. Tentando di evitare la voragine del niente”.

Quella della Maroccolo è un’esplorazione iconografica senza forzature, un’attenta sorveglianza del cangiantismo cromatico nel vegetale stesso, che lei valorizza e traduce in arte. Icone, foto, strutture totemiche, mandala, riletti dalla Maroccolo come ‘macerazioni’, sono ricreati dall’artista attraverso scarti vegetali e comunicano visivamente la sofferta grandiosità della vita. Il fermo-immagine dell’eucalipto permette alla Maroccolo di esaminarlo nel suo continuo mutamento e, misteriosamente, tali trasformazioni evocano tra uomo e realtà vegetale un palpitare di nessi invisibili. Che l’arte evidenzia. Alcune forme ricordano parti interne del corpo umano, il legame tra uomo e ambiente appare indissolubile, l’esistenza del primo dipende dal secondo. 

“La rivoluzione degli eucalipti” promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali è ideata dalla stessa artista. Mostra a cura di Plinio Perilli. Il catalogo d’arte, vera sinestesia tra le opere e un denso e visionario romanzo lirico, è edito da Disvelare edizioni, primo volume della collana Le Sibille, curato da Officina Mirabilis. Servizi museali di Zètema Progetto Cultura.

Mostra Nina Maroccolo. La Rivoluzione degli eucalipti

Dove Galleria d’Arte Moderna

Quando         14 maggio – 29 agosto 2021

Promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

A cura di Plinio Perilli e Nina Maroccolo

Organizzazione Officina Mirabilis

In collaborazione con Disvelare edizioni

Orari Dal martedì alla domenica ore 10.00-18.30

Biglietti Preacquisto consigliato online

Intero € 7,50; ridotto € 6,50

Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale: Intero € 6,50; ridotto € 5,50

Ingresso con biglietto gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente.

Ingresso con biglietto gratuito per i possessori della MIC Card

Info 060608 (tutti i giorni ore 9.00 - 19.00); www.museiincomuneroma.it

Per entrare al museo Attesa del proprio turno a distanza di sicurezza (almeno 1 mt).

Misurazione temperatura con termoscanner (non è possibile accedere con temperatura uguale o superiore a 37.5°). 

Nel museo È obbligatorio l’uso della mascherina. Vietati gli assembramenti.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice