Giovedì, 03 Ottobre 2013 14:19

Teatro dell’Orologio . “Nessuno”, j’accuse della guerra di Massimiliano Bruno. Recensione

Scritto da

ROMA - Non basta immaginare la guerra e i suoi effetti. Non basta seguire le atrocità che la guerra porta con sé per sentirle nel proprio animo e ripudiarla fino in fondo. Migliaia di morti spiattellati in tv o sui giornali e neanche questo ci rende consapevoli di cosa sia la tragedia della guerra. Per lo più percepiamo un fievole disagio che dura il tempo di una notizia, poi tutto torna come prima. 

“Nessuno” racconta della guerra in casa, quella vissuta e non riportata. La storia di undici persone rifugiate in una chiesa durante un improbabile conflitto nella Roma dei nostri giorni. Un conflitto inconcepibile anche per i protagonisti che improvvisamente si ritrovano a vivere il dramma della guerra fino ad allora conosciuta attraverso la protezione dello schermo televisivo. Racconta della sopravvivenza, di resistere ai bombardamenti e dal fuoco dei cecchini. Racconta delle ansie e della paura di morire ma di come, nonostante l’essere umano sia costretto a non vedere un futuro, si possa far germogliare anche dei rapporti umani.

Massimiliano Bruno poliedrico autore, attore e regista (Nessuno mi può giudicare 2011, Viva l’Italia 2012) scrive un testo che è un deciso atto di accusa contro ogni forma di guerra. Un testo forte che arriva veloce come un colpo inaspettato allo stomaco attraverso le storie di vita dei protagonisti ma, allo stesso tempo, pieno d’ironia e speranza.  “Nessuno” è la crudeltà dei conflitti, la ferocia dell’uomo quando è in gioco la propria vita. E’ la voglia di vivere, la speranza di un futuro, la consapevolezza di essere cambiati per forza di cose.

 

TEATRO DELL’OROLOGIO

 dal 2 al 20 Ottobre 2013

 

LA CATTIVA COMPAGNIA PRESENTA 

 

NESSUNO di Massimiliano Bruno

 

Musiche Originali di Fausto Casara

 

Regia di Davide Lepore

 

Con

Davide Lepore - Nessuno

Gabriele Carbotti – Libero; Martina Zuccarello – Sole; Simone Crisari - Lele

Rosalba Battaglia – Mavi; Michele Botrugno – Alberto; Martina Fiore - Annetta

Cristiano Priori – Lorenzo; Alessandra Cosimato – Ludovica; Andrea Dianetti - Matteo

Simone Tessa – Santino; Veronica Milaneschi - Marta

 

 la band live

Fausto Casara - Compositore - Chitarra - Batteria - Voce

Annika Tata - Pianoforte - Tastiere

Alberto Caneva - Basso - Violoncello

 

 

bianco.png