Giovedì, 16 Gennaio 2014 14:08

American hustle, il lato corrotto di un grande Paese

Scritto da

Un cast eccellente per una ‘black comedy’ sulle contraddizioni del sogno americano

ROMA - Il regista newyorchese David O. Russell al settimo lungometraggio centra il suo migliore film: “American Hustle” - L’apparenza inganna -  è senza dubbio il frutto delle sue indubbie capacità registiche, la prova della sua maturità artistica.

Si era fatto notare con “Three kings” (1999) con la star George Clooney, poi con il sorprendente “The Fighter” (2010) e con il grande successo di pubblico e critica per “Il Lato positivo”. Il suo stile narrativo spazia senza problemi tra la commedia agrodolce e storie drammatiche estremamente realistiche. In “American Hustle”, il cineasta consolida anche il difficile registro grottesco grazie anche ad una eccellente sceneggiatura scritta insieme a Eric Warren Singer.

Il film, ambientato tra il 1974 e il 1978, prende spunto dalle indagini dell’Fbi (operazione Abscam) sulla corruzione dilagante nel congresso Usa durante il difficile periodo del Watergate.

La polizia federale collaborò con due truffatori interpretati da Christian Bale e Amy Adams per arrivare ad incastrare i politici corrotti del New Jersey. Uno dei punti di forza del film è che i personaggi che popolano la storia sembrano usciti da una commedia degli equivoci: tutti cercano disperatamente di apparire per quello che non sono, creando situazioni imbarazzanti, umilianti e grottesche.

Il ritmo incalzante del film non consente distrazioni sino ad una serie di travolgenti colpi di scena in cui i personaggi si svelano per quello che realmente sono. La forza di American Hustle è senza dubbio il cast che rende la storia avvincente e credibile.

Su tutti spicca il talentuoso Christian Bale, uno dei migliori attori in circolazione, dotato di straordinarie capacità nel trasformare il proprio corpo. Già vincitore del premio Oscar per “The Fighter”.  Bradley Cooper, astro nascente del cinema americano, si conferma eccellente nella parte di un agente federale, anche lui alla seconda prova con il regista David O’ Russell.

Splendide le attrici Jennifer Lawrence e Amy Adams nel rappresentare rispettivamente la moglie e l’amante di Christian Bale. Ottimo come sempre Jeremy Renner, (visto di recente nell’ultimo capitolo della saga Bourne), nel ruolo del sindaco del New Jersey. Infine c’è da segnalare l’esilarante cameo del grande Robert De Niro nei panni del mafioso Victor Telliegio. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Le donne e il tempo

Si apre il sipario del tempo

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]