Giovedì, 24 Settembre 2015 16:15

“Woman in gold”. Storia vera di un ritratto di Klimt e della sua proprietaria. Recensione. Trailer

Scritto da

VIENNA – “Woman in gold”, in italiano “La dama in oro”,  è la storia vera, ben confezionata, di una vicenda che ha origine negli anni bui dell’olocausto. Maria Altmann, nata a Vienna nel 1916, faceva parte della famiglia Bloch-Bauer che risiedeva in uno degli appartamenti più lussuosi della capitale austriaca.

Sua zia Adele, raffinata animatrice di salotti, ospitava artisti come il pittore Gustav  Klimt. Uno dei soggetti preferiti da Klimt era proprio Adele Bloch-Bauer, che un giorno ritrasse in una tela, in seguito divenuta famosa a livello mondiale,  come una regina egiziana adorna d’oro. Il collier che Adele indossava nel quadro, in seguito, fu donato alla nipote Maria Altmann come regalo di nozze.  Ma  nel 1938 a Vienna finì l’età dell’oro per la comunità ebraica, violentata dai nazisti perse società, case, opere d’arte. Molti quadri della famiglia Bloch-Bauer andarono a ornamento di abitazioni del terzo Reich, quando non dello stesso Hitler.  A quel periodo risale il furto del ritratto di Adele Bloch-Bauer e la trasformazione del suo nome in “Dama in oro”. Maria Altman riuscì a sfuggire ai campi di concentramento e a trovar riparo in America, stabilendosi in California, dove mise al mondo quattro figli. Nel 1998 Maria Altmann chiese a un amico di famiglia, l’avvocato Randy Schoenberg,  di intentare una causa contro il governo austriaco al fine di rientrare in possesso dei dipinti di Klimt, in particolare quello de “La dama in oro” il cui valore è stato recentemente quotato 135 milioni di dollari.  “Woman in gold” è la vicenda della battaglia legale di Maria e del suo giovane avvocato per rientrare in possesso del ritratto indebitamente sottratto dai nazisti, battaglia che dall’establishment austriaco arriverà fino alla Corte Suprema Americana.

 Un film professionalmente corretto, che calca le orme dello splendido “Philomena” di Stephen Frears, senza raggiungerne l’apice. Davvero bravi i due attori protagonisti, Helen Mirren nei panni di Maria Altmann e Ryan Reynolds, in quelli del suo avvocato.

Regia:Simon Curtis
Sceneggiatura:Alexi Kaye Campbell
Musiche: Hans Zimmer, Martin Phipps
Fotografia: Ross Emery
Montaggio: Peter Lambert 

Scenografia: Caty Maxey , Dominic Masters 
Effetti Speciali: Mark Holt 
Cast

Randol Schoenberg: Ryan Reynolds
Maria Altman giovane: Tatiana Maslany

Maria Altman: Helen Mirren
Pam: Katie Holmes
Elizabeth McGovern
Sherman: Charles Dance
Fritz: Max Irons
Daniel Brühl
Antje Traue
Frances Fisher Crystal Clarke
Anthony Howell
Titolo originale: Woman in gold

Anno: 2015

Nazione: Stati Uniti d'America / Gran Bretagna

Distribuzione: Eagle Pictures

Durata: 109 min

Data uscita in Italia: 08 ottobre 2015

Genere: drammatico

Woman in gold - trailer

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]