Lunedì, 28 Settembre 2020 09:53

Teatro Argentina. “19 luglio 1985. Una tragedia alpina”, emozionante atto unico di Filippo Andreatta

Scritto da

Nell’ambito di RomaEuropa Festival 2020 OHT [Office for a Human Theatre] Presenta 19 LUGLIO 1985. UNA TRAGEDIA ALPINA regia, scena e testo di Filippo Andreatta 

ROMA - Quella della Val di Stava è nota per essere stata una delle più grandi tragedie che abbiano colpito in epoca moderna il Trentino Alto Adige.Il 31 luglio 1985, il cedimento degli argini dei bacini di decantazione della miniera di Prestavel causò la fuoriuscita di 180.000 metri cubi di fango che travolsero con violenza l’abitato di Stava, nel comune di Tesero. La miniera di Prestavel era stata sfruttata in passato per la produzione di galena argentifera, nel 1934 si accertò l’interesse estrattivo di alcuni filoni di fluorite e, dopo la seconda guerra mondiale, fu gestita dalla società Montecatini, alla quale subentrarono società del gruppo Montedison, EGAM ed Eni. Dal 1980 al 1985 dalla Prealpi Mineraria. 

Riferendosi al disastro di Stava, Filippo Andreatta coglie il dramma più vasto e attuale del rapporto errato, fondato solo sul saccheggio economico, dell’uomo con la natura. Sul palcoscenico la rappresentazione è ridotta ai minimi: un grande ramo d’abete, calato in orizzontale dal soffitto, gira su se stesso mentre note dissonanti e dolorose riempiono lo spazio. Poi il ramo cede e si ode uno schianto tremendo. Ha inizio, attraverso simboli e didascalie, sorretto da un coro toccante e da una musica che evoca a tratti il fragore della valanga, il racconto della tragedia nella quale morirono 268 persone. Emergono chiare le responsabilità dell’uomo: l’incuria, il mancato rispetto per l’ambiente e per la vita dei suoi simili, suffragato a quel tempo anche da leggi grazie alle quali gli imputati non fecero un solo giorno di carcere. 

La narrazione è scarna, vivida e tocca nel profondo, bianche figure agiscono dietro uno schermo velato che rende onirica e senza tempo la situazione. L’incubo della distruzione dell’ambiente, per arroganza e superficialità della nostra specie, si palesa sottolineato dal corifeo Davide Tomat che si serve della potenza evocativa della musica di Ligeti, eseguita dal vivo dall’Ensemble Vocale Continuum diretto dal Maestro Luigi Azzolini. E’ impressionante, nel buio, il rullare di quello che accadde: alle 12:22:55 del 19 luglio 1985, circa 180.000m³ di fango biancastro travolsero con violenza l’abitato di Stava ad una velocità di 90 chilometri orari, spazzando via tutto in appena 7 minuti: alberi, case, persone, alberghi, strade.

“Una catastrofe senza salvezza che a quasi 35 anni di distanza risulta ancora irrappresentabile” scrive Fillippo Andreatta, che invece è riuscito a riprodurre l’incubo di quello che è successo e ancora può succedere, se l’uomo non avrà cura della madre terra che, in condizioni avverse, può diventare matrigna. Tratti essenziali, in un solo breve atto – per l’esattezza 50 minuti – lasciano lo spettatore senza fiato. Il pubblico romano del teatro Argentina ha fatto sentire la sua commozione con prolungati applausi.

19 LUGLIO 1985. UNA TRAGEDIA ALPINA

spettacolo di OHT | Office for a Human Theatre

 

coro Ensemble Vocale Continuum diretto da Luigi Azzolini

musiche Lux Aeterna di György Sándor Ligeti; Again – after ecclesiastes di David Lang
‘ndormenzete popin canto di montagna
regia, scena e testo Filippo Andreatta

drammaturgia Marco Bernardi
corifeo, musiche e suono Davide Tomat
scenografia e costruzione Alberto Favretto
luci William Trentini / Veronica Varesi Monti
responsabile palcoscenico Viviana Rella

best-girl Letizia Paternieri
assistente regia Veronica Franchi
video Armin Ferrari
produzione e amministrazione Laura Marinelli

  promozione e distribuzione Laura Artoni
  esperto giardiniere Cleto Matteotti
  tecnico del suono Claudio Tortorici
  sviluppo elettronico e automazioni Enrico Wiltch
  animale guida il Cervo

  produzione OHT
  co-produzione Romaeuropa Festival, Centro Santa             

  Chiara Trento
  residenza artistica Centrale Fies art work space
  con il contributo di Fondazione Caritro, Provincia  

  Autonoma di Trento
  con il patrocinio della Fondazione Stava 1985

  grazie a Bruno Ballardini, Michele Longo, Matthias                                             

  Losek, Susanna Sara Mandice, Sandro Piovesana,          

  Virginia Sommadossi, Chiara Zanoni e il boscaiolo

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

L'autunno del cuore

Veloce muta il tempo  giornate di pioggia foriere di freddo si avvicinano. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

L’edificio sarà anche sede del Polo di Specializzazione Microinquinanti di Arpa Puglia, eccellenza nella determinazione dei composti organici persistenti (POP), e in particolar modo di PCB, diossine e IPA, in...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]