1111.jpg

 

Domenica, 29 Maggio 2022 15:15

Cannes 75. Molti ex equo di un festival sottotono, con una giusta Palma d’oro

Scritto da

CANNES (nostro inviato) Il 2022 è stato per il festival del cinema sulla costa Azzurra un anno sottotono, meno pubblico pagante, meno fan a caccia di autografi, meno curiosità per i divi che salgono la Montée des Marches del Gran Teatro Lumiére.

Causa evidente gli anni difficili che sta attraversando il pianeta, il cui riverbero arriva anche qui, nell’isola apparentemente felice della Croisette, in pratica “l’isola che non c’è”. Non a caso le star e i produttori cinematografici hanno posto l’accento sul tornare al cinema: per loro è sopravvivenza. Un pianeta sempre più interconnesso ha bisogno di equità e parità di diritti umani ed economici per sopravvivere, se questo su larga scala non esiste, il battito d’ali di una farfalla pesa anche se vibra in un punto lontano della terra.

Non è chiaro da cosa storicamente dipenda una certa omologazione dei contenuti e dei livelli artistici, sentita dagli addetti ai lavori e riscontrata chiaramente negli ex aequo. Di sicuro il 2022 ha avuto molti buoni film in programma, ma nessuno che abbia colpito in maniera straordinaria. Resta il fatto che la Palma d’oro a Ruben Östlund fosse la più saggia: in un momento in cui esiste tanta sofferenza, la sintesi umoristica dei mali della parte più evoluta del globo aiuta a capire dove sbagliamo.

Palma d’oro al miglior film:
Triangle of sadness, regia di Ruben Östlund

Gran Premio (ex-aequo):
Close di Lukas Dhont e  The stars at the noon di Claire Denis

Premio della Giuria (ex-aequo):
Le otto montagne di Felix van Groeningen e Charlotte Vandermeersch e Eo di Jerzy Skolimowski

Premio del 75° Anniversario:
Jean-Pierre e Luc Dardenne per Tori et Lokita

Premio alla migliore interpretazione maschile:
Song Kang Ho per Broker

Premio alla migliore interpretazione femminile:
Zar Amir Ebrahimi per Holy Spider 

Premio alla Regia:
Park Chan-wook per Decision to Live

Premio alla Miglior Sceneggiatura:
Tarik Saleh per Boy From Heaven

Caméra d’or alla migliore opera prima di tutte le sezioni:
War Pony di Riley Keuogh and Gina Gammell (Un Certain Regard)

Caméra d’or premio speciale:
Plan 75 di Hayakawa Chie

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

bianco.png