Visualizza articoli per tag: cinema

Sulla mafia nelle più diverse accezioni, sui gangster delle più diverse origini (italiani, irlandesi, ispanici, cinesi) il cinema americano ha dato molti validi esempi. 

Etichettato sotto

Martedì 1 settembre 2020

Etichettato sotto

PESARO - Si alza il 22 agosto il sipario sulla 56° Mostra Internazionale del Nuovo Cinema che si svolgerà a Pesaro fino al 29.

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto

VENEZIA - Sarà attivo a partire dalle ore 12 di venerdì 21 agosto sul sito www.labiennale.org (link www.boxol.it/biennalecinema), il servizio di vendita online dei biglietti della 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (2-12 settembre 2020).

Etichettato sotto

La sedotta e abbandonata del titolo è Stefania Sandrelli, splendida sedicenne destinata a diventare una figura importante del cinema italiano.

Etichettato sotto

E’ il primo film prodotto da una compagnia fondata nel 1969 per aiutare gli afro-americani a girare film sull’esperienza delle minoranze negli Stati Uniti. 

Etichettato sotto

E’ il primo lungometraggio firmato da Michelangelo Antonioni, che fino ad allora si era fatto notare per un cortometraggio dall’argomento inconsueto ma evidentemente beneaugurante: N.U. Nettezza urbana, in sostanza, un documentario sulla raccolta dei rifiuti in città, l’ultimo guizzo del neorealismo già in fase di esaurimento.  

Etichettato sotto

In concorso a Cannes nel 2019, “Little Joe” dell’austriaca Jessica Hausner, è valso alla protagonista Emily Beecham il premio quale migliore attrice ed é stato designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI.

Pubblicato in Cinema & Teatro
Etichettato sotto

Un drink fresco da bere mentre si gusta l'ennesima visione di 'Febbre da Cavallo', il cult movie firmato Steno e interpretato da Gigi Proietti, Enrico Montesano, Catherine Spaak e tanti altri attori e caratteristi che hanno reso grande il cinema italiano degli anni Settanta.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

VENEZIA - E’ il film più forte di Jean Renoir, forse il suo capolavoro, in un certo senso anticipatore del neorealismo italiano. Girato nel pieno degli anni Trenta, che videro in Francia una massiccia emigrazione dall’Italia fascista, il film è, dunque, una tragica storia d’italiani povera gente, emigranti appunti.

Etichettato sotto