Venerdì, 23 Ottobre 2015 18:55

Festa del Cinema di Roma, torna il tragi-comico “Ragionier” Fantozzi Featured

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA -  Il mitico Fantozzi, il ragionier Ugo, umiliato, offeso e servile,  l’impiegato frustrato, a  bordo della sua bianchina,  perseguitato dalla nuvola di pioggia, i suoi familiari mostruosi, la moglie, la Signora Pina, la scimmiesca figlia Mariangela tornano  al Cinema.

Questa straordinaria  tragica, maschera  parte del nostro patrimonio culturale,  torna dopo ben  40 anni,  nella versione restaurata  di due  dei suoi primi  film  Fantozzi (1975)  e il Secondo tragico Fantozzi. Film che sono stati anticipatori delle tematiche di mobbing e critici acuti della classe dirigente. Dietro “lo charlot italiano” c’è  l’attore genovese Paolo Villaggio, oggi al Festival del Cinema di Roma con  la Signorina Silvani (Anna Mazzamauro) il sogno d amore irraggiungibile. Entrambi rispondono con la verve e l’ironia che li contraddistingue.

Tornano nella versione  restaurata  due  dei suoi primi  film della saga Fantozzi (1975) e il Secondo tragico Fantozzi come vi sentite?

Paolo Villaggio: Il ritorno dopo 50 anni in sala è un evento  molto gratificante e poi non è successo ad altri grandi del passato,  Totò, Sordi, li vediamo ma  in televisione. Sono felice perché  tornando in sala,  ho riconquistato sia il pubblico degli attuali cinquantenni e poi  mi sono ricostruito una fama di comico, ora sono amato anche dai bambini dai 5 ai 10 anni.  Ricordo che c’erano donne che mi dicevano io non voglio vedere i suoi film  perché mi fanno tristezza, preferisco i film d’amore,  in seguito invece  gli italiani hanno cominciato a dirmi  “sa che il suo personaggio sembra un mio cugino lontano”…

Anna Mazzamauro: Stasera a me fa l’effetto “che me so persa in questi anni”. Mi da un senso di eternità, questo restauro, mi sento  un cartone animato che non muore mai mi sento  Minny, Paperina non ho bisogno di farmi le plastiche e  non ho il cruccio delle mie amiche sempre bellissime, sempre giovanissime loro fanno bene  sono belle e si rifanno e sono belle,  io mi rifaccio brutta un’altra volta …    

I  film di Fantozzi sono stati una  terapia…

Paolo Villaggio: la terapia è stata completa, ci ha curato dalla paura  di essere isolati nella nostra incapacità ad essere competitivi, competitivi, gli italiani non lo sono per niente, ad eccezione dei  40  al massimo 120 ricchissimi grandi ladri, categoria alla quale vorrei tanto appartenere,  io sono stato un intellettuale di sinistra, sono snob e voglio essere invitato dalla Contessa Serbelloni… nella mia vita ho rubato una sola volta un “boccetto di  tabasco” in un supermarket poi non ho mai avuto il coraggio di rubarveramente e sarebbe la mia vera ambizione…

Fantozzi è il simbolo di un’epoca,   di un lavoratore oggi come sarebbe?

Paolo Villaggio: Oggi siamo nell’era dei timbratori di cartellini, ho letto che stanno mettendo in carcere proprio in questi giorni i timbratori di cartellini, gli italiani odiano il proprio lavoro, che è noioso ripetitivo, cercano di evitarlo, hanno introdotto delle tattiche speciali come  dormire con gli occhi aperti in ufficio, direi che oggi  la situazione per l’italiano medio non è migliorata anzi  è peggiorata il ceto medio ad es. non vede la possibilità di andare in vacanza e   qui sulla costa laziale  è una cosa agghiacciante, inoltre penso che  tutti  vorrebbero essere con Belen, in Florida  o nell’india misteriosa…

Anna Mazzamauro: Come può aver amato me se parla di Belen…io penso invece  che la vera vacanza per gli italiani si festeggia anche oggi, con il ritorno  di questo film, il ritorno di questi cartoni animati che rendono fisse queste  immagini di gioia e di scontro con se stessi, perche Fantozzi piace a tutti ma è odiato e amato odiato perché  è  odiato da quelli che non vorrebbero essere come lui e amato da chi dice io non sono come lui …

Come vi spiegate che il film è un film di culto e  simbolo di uno spaccato sociale  ancora oggi dopo tanti anni   qual è stato il segreto vostro e di Luciano Salce?

Anna Mazzamauro: Innanzitutto la scrittura iniziale ,prima di tutto e poi lo devo riconoscere  Villaggio ha dato un colpo al tipo di comicità al quale eravamo abituati  comicità più brigantesca e lui è io dico lo Charlot italiano questo omino,  che rimane fisso nel tempo e poi la regia, tutto il contesto  noi eravamo una sorta di carrozzone professionale,  ci incontravamo ogni due anni e eravamo amici sul set, il successo era dovuto a questo,  oggi mi  intenerisce incontrare Paolo e io incontro Fantozzi  e mi dico come ho fatto a non amarlo… cosa mi sono persa.

Tornando  al restauro, i grandi del passato non sono stati restaurati …

Paolo Villaggio:  Non è stato restaurato Totò, non sono stati restaurati Sordi e Tognazzi.  Essere restaurati,  è’ come sopravvivere alla propria morte…   io comincio ad avere il sospetto di sopravvivere davvero  alla mia morte , è meno spaventoso pensare di scomparire…

Anna Mazza Mauro : io invece  vorrei chiedere l’ indirizzo di chi ha restaurato perché potrebbero fare qualche cosa anche per me…

Appuntamento questa sera in sala Petrassi  all’Auditorium alle 17 e 30  la Festa del Cinema presenta Fantozzi. Nelle  sale  il 26 27 28 e il 2 3 4 novembre il secondo tragico Fantozzi

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Poesia

La marea e l'amore

Il mio amore è come il mare immenso… 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

L'angolo dei classici

Opinioni

David di Donatello. Emozionata Sofia

David di Donatello. Emozionata Sofia

Quella di Sofia Loren alla serata dei David di Donatello è stata un’apparizione di pochi minuti ma di grande effetto.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intervista alla curatrice Daniela Cotimbo. Dal 5 al 30 maggio 2021, una rassegna collettiva che offre una nuova prospettiva di indagine sulle potenzialità espressive delle tecnologie, evidenziando anche un differente...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]