Martedì, 22 Ottobre 2019 07:35

Festa Cinema Roma 14. “The Irishman” di Martin Scorsese: grande affresco politico-mafioso

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Arriva un nuovo grande film grazie a Netflix The Irishman di Martin Scorsese, che approderà sulla piattaforma streaming a partire dal 27 novembre.

Prima ancora, per soli tre giorni, dal 4 al 6 novembre, debutterà nelle sale italiane come evento distribuito dalla Cineteca di Bologna.“The Irishman” narra un intreccio spietato politico-mafioso che abbraccia alcuni decenni di vita americana. C’è già chi lo dice in odore di Oscar.

Frank Sheeran (Robert De Niro) camionista e veterano di guerra, un giorno casualmente conosce Russel Bufalino (Joe Pesci), siciliano molto influente in Cosa Nostra, con il quale stringe amicizia. Sentendosi protetto dal carisma di Bufalino, interessato al “businnes”, Frank diventa suo uomo di fiducia, disposto a fare anche lavori molto “sporchi”. Un giorno Russel presenta a Frank un noto presidente del sindacato degli autotrasportatori Jimmy Hoffa (Al Pacino), con il quale Frank stringe un legame molto forte, diventa suo consigliere e guardia del corpo. Il film, attraverso questi tre personaggi, racconta un pezzo di storia dell’America, in particolare le connivenze tra politici corrotti e mafia. Nello specifico Martin Scorzese svela i retroscena della scomparsa misteriosa di Jimmy Hoffa - sindacalista condannato a quindici anni di carcere poi rilasciato in anticipo – proprio nel momento in cui, in seguito all’uscita di galera, ricominciava a imporra il suo potere.

Il film è stato sceneggiato da Steven Zaillian, basandosi sul libro del 2004 I Heard You Paint Houses di Charles Brandt che descrive la vicenda del killer Frank Sheeran – protagonista di The Irishman - ritenuto colpevole, tra i vari omicidi, anche della sparizione di Jimmy Hoffa. Un film che dura oltre tre ore, ricostruendo con dovizia di particolari, fatti, personaggi, ambienti.  Soprattutto è, a grandi linee, un affresco culturale dei legami tra mafia e politica anche ad altissimo livello. Lo scandaglio psicologico dei personaggi è inappuntabile. De Niro, Pacino e Pesci sono al meglio di se stessi. Un encomio particolare va fatto anche alle truccatrici che riescono a rendere verosimile, sugli stessi attori, diverse età della vita: lo scorrere di mezzo secolo di storia.

Regia di Martin Scorsese.

Cast Robert De NiroAl PacinoBobby CannavaleJoe PesciHarvey KeitelRay Romano.

 Titolo originale: The Irishman. 

Genere Drammatico - USA2019,

 Uscita cinema lunedì 4 novembre 2019. Poi su piattaforma Netflix

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]